mercoledì 31 dicembre 2008

BUON ANNO A TUTTI

Il futuro appartiene a coloro che credono alla bellezza dei propri sogni. Possa il tuo nuovo anno portarti nuovi bellissimi sogni e tante concrete soddisfazioni.

Continua a leggere...

domenica 28 dicembre 2008

I CORPI PRESENTANO TRACCE DI VIOLENZA CARNALE

I corpi presentano tracce di violenza carnale è allo stesso tempo uno dei film meno noti e uno dei migliori di Sergio Martino; dopo aver raggiunto esiti diseguali con la trilogia del thriller erotico con la Fenech -Lo strano vizio della signora Wardh (1970), Tutti i colori del buio (1972), Il tuo vizio è una stanza chiusa e solo io ne ho la chiave (1972)- e aver prestato un dignitoso contributo alla stagione del thriller animalesco/argentiano –La coda dello scorpione (1971)-, e prima del successo enorme del suo esordio nei generi a cui si dedicherà di più, la commedia sexy -Giovannona coscialunga disonorata con onore (1973)- e il poliziottesco –Milano trema, la polizia vuole giustizia (1973), Martino firma il suo ultimo –purtroppo- thriller che è anche quello che si avvicina di più all’horror vero e proprio. Come racconta lo stesso Martino il titolo originariamente da lui pensato (e in effetti ben più attinente alla trama del film) era “I corpi non presentano tracce di violenza carnale”; i raffinati produttori, seguendo evidentemente l’antica regola di pubblicizzare solo ciò che si offre e mai qualcosa che si toglie, abolirono il “non”.

Ai produttori però va riconosciuto il merito di aver suggerito l’ambientazione alla facoltà di Storia dell’arte dell’Università di Perugia (per poter utilizzare verosimilmente il cast internazionale in un set italiano e allo stesso tempo ottenere facili permessi comunali), scelta che si rivela assolutamente felice (in realtà il paesino della seconda parte del film è Tagliacozzo, in Abruzzo, e alcune riprese vennero effettuate anche a Orte). La trama di per sé può sembrare banale a chi non ha visto il film, dunque la riassumo molto brevemente: alla suddetta Facoltà di Storia dell’arte un maniaco col volto coperto da un passamontagna e armato di coltellaccio fa strage di studentesse e cava loro i bulbi oculari (e fin da questo particolare si capisce che il film deve aver ispirato Lenzi per Gatti rossi in un labirinto di vetro) e a quanto pare violentandole pure -ma ho già detto come questo dettaglio sia stato aggiunto posticciamente a film finito. Mentre il commissario non sa che pesci pigliare un gruppo di studentesse decide di rifugiarsi per il weekend nella casa di campagna di una di esse, ma l’assassino le segue.

Sarà il loro ombroso amico Stefano (Bisacco) che non riesce ad andare a puttane? O il bel professore dagli occhi azzurri (Richardson) per il quale Jane (Kendall) si sta prendendo una cotta? O il maturo zio (Alighiero) di una delle ragazze che ha una relazione con un’amica della nipote? O il misterioso medico (Merenda, attore feticcio di Martino in quegli anni) stile Dr. Kildare credibile quanto l’omologo maschile di un’infermiera sexy con calze bianche e tettone? Non rovino la sorpresa a chi non ha visto il film, ma assicuro che al di là della sceneggiatura (firmata da Martino con il solito Ernesto Gastaldi) ne varrebbe la visione lo stesso, tanto l’impatto visivo della pellicola è riuscito. Innanzitutto si noti il look punk dell’assassino –che nel suo essere senza volto sembra addirittura anticipare Micheal Mayers!- lontano dall’abusato stereotipo argentiano del killer con l’impermeabile scuro e il cappello. Perfino l’austero Mereghetti ammette che in questo caso Martino si dimostra capace di una “suspense magistrale” e di un “uso notevole della distanza e del grandangolo”.

E’ soprattutto negli USA che il film – col titolo Torso- è diventato un cult ed è stato riconosciuto come un precursore, più che un capostipite, del filone slasher degli anni ’80. Il film è anche la prima collaborazione con i fratelli Guido & Maurizio De Angelis che firmano dei temi musicali che non lasciano respiro uno dei quali viene riutilizzato, in una versione diversa, anche in Milano trema, la polizia vuole giustizia. I titoli di testa del film, in cui vediamo una macchina fotografica che immortala scene di un’orgia (che alla fine risulterà avere un’attinenza con la trama), appaiono sgranati dalla messa a fuoco per via della censura, ma sono invece ben messi a fuoco e molto più sessualmente espliciti nella versione estera del film. Tuttavia, anche con i nudi sgranati il film ottenne il divieto ai minori di 18 anni. Numerose le scene indimenticabili, su tutte quella cattivissima, di cui Martino è giustamente orgoglioso, della Kendall chiusa a chiave dentro una stanza che cerca di far passare la chiave sotto la porta con un giornale, mentre l’assassino è lì fuori che la aspetta e diabolicamente le facilita la presa della chiave addirittura imboccandogliela. Scena senza antecedenti ma con molte imitazioni, a partire ancora una volta da Gatti rossi in un labirinto di vetro di Umberto Lenzi che la rifà quasi uguale (con Ines Pellegrini al posto di Suzy Kendall e una sciarpa al posto del giornale) suscitando l’entusiasmo di tutti i fan del genere che non hanno visto I corpi presentano tracce di violenza carnale.
Marco De Annuntiis

Continua a leggere...

sabato 27 dicembre 2008

La culla del presepe resta vuota



In una parrocchia di Bergamo, nella chiesa di Santa Lucia la culla del presepe resta vuota.
Mons. Bianchi: «Impariamo così ad accogliere il prossimo»

Il sacerdote, che durante le omelie domenicali invita i fedeli a curarsi dei poveri e degli emarginati, ha deciso di comportarsi di conseguenza. E durante l'omelia ha proclamato: "Questa notte non è Natale. Non siete pronti. Se non sapete accogliere lo straniero, il diverso, non potete accogliere il Bambin Gesù.
Perciò Gesù non nasce".

E quindi non ha fatto porre nel presepe della chiesa la statuetta (già pronta) del Bambinello. A chi ha chiesto spiegazioni ha poi detto che il presepe era basato sul racconto di Ezio del Favero 'Al chiaro delle stelle', in cui Gesù Bambino esce dalla culla per andare da un bimbo povero che non osava stargli vicino: "Il messaggio che abbiamo voluto dare è proprio questo: Gesù non ha paura di avvicinarsi agli emarginati, agli ultimi. E' ora che chi si dice cattolico metta in pratica gli insegnamenti di Cristo".

Continua a leggere...

Ricerca: in Usa: medico trasformava grasso pazienti in carburante

ANSA) - WASHINGTON, 26 DIC - Un medico di Los Angeles specializzato in liposuzione ha usato il grasso prelevato dai pazienti come carburante per la sua vettura.
Il dottor Craig Alan Bittner ha detto di avere trovato un consenso entusiasta tra i suoi pazienti alla richiesta di usare il grasso prelevato dai loro corpi con fini ambientali: trasformare la sostanza in bio-carburante. Ma usare residui umani per la produzione di carburante e' illegale in California e il medico e' finito sotto inchiesta.

Continua a leggere...

mercoledì 24 dicembre 2008

Preghiera a Gesù



In vita mia, non ho mai passato le giornate che precedono il Natale con un malessere così grande. Mi sono sentito a pezzi, ieri pomeriggio.

Ma oggi va un po' meglio... grazie alla mattinata passata con un vero Amico e grazie alla preghiera.

Buon Natale a tutti.



Asciuga, bambino Gesù, le lacrime dei fanciulli!
Accarezza il malato e l’anziano!
Spingi gli uomini a deporre le armi
e a stringersi in un universale abbraccio di pace!
Invita i popoli, misericordioso Gesù,
ad abbattere i muri creati
dalla miseria e dalla disoccupazione,
dall’ignoranza e dall’indifferenza,
dalla discriminazione e dall’intolleranza.
Sei Tu, Divino Bambino di Betlemme,
che ci salvi, liberandoci dal peccato.
Sei Tu il vero ed unico Salvatore,
che l’umanità spesso cerca a tentoni.
Dio della pace,
dono di pace per l’intera umanità,
vieni a vivere nel cuore di ogni uomo e di ogni famiglia.
Sii Tu la nostra pace e la nostra gioia! Amen!

MESSAGGIO URBI ET ORBI
DI SUA SANTITÀ GIOVANNI PAOLO II

NATALE 1994

Continua a leggere...

martedì 23 dicembre 2008

FORTE SCOSSA AL CENTRO-NORD

L'epicentro del terremoto sarebbe tra Parma e Reggio Emilia: con una magnitudo di 5.2, avvertito alle 16.25. La scossa è stata registrata anche a Milano, Genova, Bologna, Venezia, Trieste e Firenze. Numerose le chiamate al 118, non vi sarebbero feriti. Nel Lecchese, gente fuori della classe. Paura a Parma, telefoni isolati in alcune zone.
Si e mosso tutto in casa e a voi??

Continua a leggere...

sabato 20 dicembre 2008

Lotta alla pirateria o... censura?



Negli Stati Uniti, l'industria discografica americana cambia strategia e si allea con i provider: Agli utenti, che condividono in rete musica protetta da copyright per essere scaricata illegalmente, cioè senza pagare il diritto d'autore, verranno «inviate lettere di avvertimento» (ovvero e-mail), ha comunicato l'associazione che rappresenta le più importanti case discografiche statunitensi. Se beccati una seconda e una terza volta a scaricare o condividere file senza pagare, ai recidivi verrà tagliata la linea Web da parte dello stesso provider che la fornisce. In sostanza, le società che forniscono le connessioni alla Rete, gli Internet Service Provider (ISP), si trasformeranno in una sorta di cyberpoliziotti. (corriere.it)

I provider siamo NOI a pagarli!! E loro, stronzi, arricchiti con i NOSTRI soldi fanno questi accordi con le case discografiche!

A mio avviso... la difesa del diritto d'autore è solo un pretesto... si comincia in questo modo e si passerà facilmente a staccare la connessione a chi entrerà in un particolare blog o in un forum di informazione...

... e il controllo della rete e delle idee sarà completo.

Il primo passo verso la dittaura.


Continua a leggere...

venerdì 19 dicembre 2008

Sequestrata la 'Casa di Babbo Natale', e' abusiva

ANSA)- PALERMO, 15 DIC- Sequestrata a Palermo la 'Casa di Babbo Natale', uno spazio ludico allestito nella centrale piazza Castelnuovo. La societa' Trinakria Development ha installato la struttura senza avere avuto alcuna autorizzazione dagli uffici comunali.

La Casa di Babbo Natale e' una imponente struttura in cui era stato sistemato un percorso per i bambini, a pagamento, che portava a Santa Klaus.

Continua a leggere...

Gb:Primo Bebe' "Selezionato" Senza Cancro Seno Ereditario

(AGI) - Londra, 19 dic. - Nascera' la prossima settimana in Gran Bretagna il primo bebe' del Regno Unito selezionato 'geneticamente' per non avere il cancro al seno di tipo ereditario. I medici hanno selezionato gli embrioni ed eliminato quelli con un gene ereditario che avrebbe assicurato al nascituro oltre il 50 per cento delle possibilita' di sviluppare il cancro.

La madre aveva deciso la selezione degli embrioni perche' il marito aveva una storia devastante, risalente a tre generazioni, legata alla malattia: era lui stesso positivo al gene e la sorella di lui, la madre, la nonna e una cugina avevano tutte avuto il cancro al seno. La coppia ha concepito undici embrioni, di cui 5 sono stati trovati privi del gene. Due di questi sono stati impiantati nel grembo della donna ed uno si e' sviluppato. Adesso il gene cosiddetto BRCA-1 e' stato eliminato dall'asse ereditario della coppia. Per i medici si tratta di un passo avanti che segna una pietra miliare nella lotta al cancro: "E' una tecnica che e' stata migliorata e sviluppata nel corso di pochi anni ed ora potra' esser offerta come ottima opzione alle altre coppie che hanno questa anomalia genetica", ha detto Paul Serhal, il ginecologo che ha avuto in cura la donna. -

Continua a leggere...

GB, annuncio shock di un pilota ai passeggeri: "Non so atterrare"

(ANSA) - LONDRA 18 DIC - Un pilota britannico ha scioccato i suoi passeggeri quando, a pochi minuti dall'atterraggio, ha annunciato di non saper portare l'aereo a terra. "Scusate ma non ho la qualifica necessaria per far atterrare questo aereo".

l volo era diretto a Parigi, avvolta da una fitta nebbia, ed è stata la torre di controllo a contattare il pilota per assicurarsi che non fosse in difficoltà. Una domanda di routine che questa volta ha avuto una risposta insolita. "Per atterrare in quelle condizioni serviva una qualifica di livello 2, e lui aveva solo il livello 5. Quindi non aveva altra scelta che riportare tutti indietro". Avvisati i passeggeri l'aereo, un Bombardier Q400 da 80 posti, è tornato a Cardiff, da dove era partito con tre ore di ritardo.

Una portavoce della compagnia, la FlyBe, ha detto che il pilota "ha esperienza di oltre trent'anni nell'aviazione commerciale" ma solo da poco era passato agli aerei Q400 senza tuttavia aver ricevuto la formaizone necessaria per aterrare in quelle condizioni atmosferiche.

Continua a leggere...

Freddie Mercury era bisessuale

Roma, 19 dicembre 2008 - Freddie Mercury non era gay. La rivelazione choc giunge dal compagno di gruppo del leader dei Queen, Brian May. Questultimo sostiene infatti che il cantante non sia stato omosessuale per molti anni e lo dimostrerebbero le svariate relazioni etero di cui lui è sempre stato a conoscenza. Intervistato dal Daily Express, il chitarrista ha dichiarato di essere stato un buon amico, oltre che compagno di band.

"Durante le nottate trascorse insieme nei primi tour, Freddie aveva solo fidanzate, mai visto un uomo", ha insistito May, sottolineando che anche quando la star ha manifestato più palesemente le sue tendenze omosessuali ha comunque sempre evitato di parlarne direttamente, cercando di sviare le domande. Il chitarrista conclude affermando che probabilmente è stata data troppa importanza alla sua vita personale a scapito del "suo amore per la musica e del suo spirito di sacrificio". Quindi "etichettare Freddy come un gay" sarebbe estremamente "riduttivo", oltre che "inesatto".

Continua a leggere...

giovedì 18 dicembre 2008

Rosa bianca



Questo è, per me, un momento non proprio facile... e voglio fare mie le parole di un poeta cubano, Jose Martì:

Coltivo una rosa bianca
In luglio come in gennaio
per l’amico sincero
che mi dà la sua mano franca.

E anche per chi mi strappa
il cuore con cui vivo
né cardi nè ortiche, coltivo.
Coltivo una rosa bianca.


Se vi va... ho riaperto il mio blog:

http://illuminaloscurita.blogspot.com/

Continua a leggere...

mercoledì 17 dicembre 2008

PETROLIO, IGNORA OPEC E CROLLA SOTTO 40 DLR

ROMA - Le quotazioni del petrolio sono scese sotto i 40 dollari al barile per la prima volta dal luglio del 2004, ignorando il taglio di 2,2 milioni di barili al giorno da parte dell'Opec. Lo scrive la Bloomberg.

Continua a leggere...

domenica 14 dicembre 2008

Via libera alla pillola abortiva



Tra dieci giorni, festeggeremo la nascita di Gesù.
Alcuni dei miei Amici stanno vivendo le stesse emozioni, in queste settimane, in attesa di una nuova vita.

Ho letto poco fa questa notizia e vorrei condividerla con voi.
Ogni storia ed ogni esperienza personale è diversa dalle altre... e giudicare è quasi sempre sbagliato.
La vita è però un dono meraviglioso.
Mi auguro si provveda a controllare questo fenomeno. Per evitare l'aberrante idea che, bastando una pillola ad interrompere una gravidanza, il concepimento sia visto come uno sbaglio da "correggere", proprio come una messa in piega mal riuscita dal parrucchiere.


Buona Domenica.


"È questione di poco tempo l'introduzione in Italia della Ru486, la pillola abortiva.

Questa settimana il Consiglio di amministrazione del-l'Aifa, l'Agenzia del farmaco, potrebbe dare il via libera definitivo alla pasticca che ha consentito a milioni di donne in tutto il mondo di interrompere la gravidanza senza entrare in sala operatoria. E il governo non può fare niente, ammette Eugenia Roccella, sottosegretario al Welfare. Questo perché la pillola di fatto aveva già ricevuto il passaporto lo scorso febbraio, autorizzata per procedura di mutuo riconoscimento dal comitato tecnico scientifico dell'Aifa durante il governo di Romano Prodi. Il comitato allora presieduto dall'ex capo dell'Agenzia, Nello Martini, aveva espresso parere favorevole giudicando positivo il rapporto costi-benefici purché il suo impiego fosse coerente con la 194 e fosse previsto solo in ambito ospedaliero. Il meccanismo si è messo in moto e il prodotto è all'ordine del giorno della riunione di fine d'anno del Cda dell'Aifa: «Arrivati a questo punto, non ci sono motivi per dire di no», dicono le persone bene informate sui lavori dell'organismo da cui dipende il prontuario terapeutico del nostro Paese. «Noi non possiamo fare più niente per bloccare un farmaco che a nostro parere espone a molti rischi. Ma è una truffa dire alle donne che è sicuro e che rende l'aborto facile», contesta Eugenia Roccella, impegnata a denunciare con Assuntina Morresi (ora sua collaboratrice al ministero) i pericoli della Ru486. «Poi questo farmaco ha ancora molti lati oscuri. Ha provocato almeno 16 morti», sottolinea.

«E verrà somministrata in ospedale solo in teoria. Nella pratica le donne firmeranno il registro delle dimissioni e torneranno a casa, senza neppure una notte di ricovero, come è avvenuto nel 90% delle volte nel corso della sperimentazione a Torino. E questo è un rischio», aggiunge il sottosegretario. Dunque l'arrivo in commercio della famigerata pillola a base di una sostanza, il mifepristone, che «blocca il nutrimento » dell'embrione, è ormai una questione di settimane. La ditta francese che la produce, l'Exelgyn, ha già trovato l'azienda cui appoggiarsi in Italia per distribuirla. Restano da stabilire solo il prezzo e le modalità di prescrizione. La Ru486 potrà essere data solo in ospedale e con obbligo di almeno un giorno di ricovero. Non sarà un farmaco da portare a casa, lontane dal controllo medico. L'unica motivazione che l'Aifa potrebbe avanzare per rimandare il via libera e rinviare le inevitabili polemiche da parte del mondo cattolico (soltanto l'altro giorno il Papa ha rinnovato la sua condanna) sarebbe di carattere economico. Ma sarebbe un arrampicarsi sugli specchi. Eugenia Roccella però vuole continuare la sua battaglia: «Le donne devono sapere che l'aborto chimico non è una passeggiata»."

(Fonte : corriere.it)

Continua a leggere...

sabato 13 dicembre 2008

carasantalucia


La notte del 13 Dicembre di ogni anno
torno sulla Terra
portando regali a tutti i bambini
che mi scrivono una letterina
per raccontare i loro sogni
(...ma non dimentico che anche i grandi sognano)
puoi mandarmi anche dei disegni!
SCIAO SANTA LUCIA BENTORNATA

Continua a leggere...

giovedì 11 dicembre 2008

CLIMA: PREMIER, PRONTI A VETO. SARKOZY, NO ALTERNATIVA

BRUXELLES - La Polonia e' pronta ad usare tutti i mezzi, incluso il veto, per ottenere le modifiche richieste al pacchetto
clima ed energia. Lo ha detto il ministro polacco per gli affari europei Mikolaj Dowgielewicz. ''Se necessario ricorreremo anche al veto'', ha detto prevedendo ''un Vertice molto lungo''.


"Se non riusciremo ad ottenere quello che abbiamo chiesto con grande chiarezza sin dall'inizio, siamo pronti a mettere il veto" sulla questione clima. Lo ha affermato il premier Silvio Berlusconi arrivando a Bruxelles per partecipare prima al vertice del Ppe e poi al Consiglio europeo dove si discuterà anche del pacchetto clima-energia. L'Unione europea non ha alternative ad un accordo a 27 sul pacchetto clima-energia. Lo ha detto il presidente francese Nicolas Sarkozy, al suo arrivo a Bruxelles per il Vertice Ue. ''L'Europa non ha altra scelta se non quella di raggiungere un accordo'', ha detto Sarkozy.

''Ci aspetta un compito molto difficile, oggi mi tocca fare il cattivo e cosi' divento il piu' antieuropeista...''. Cosi' il premier Silvio Berlusconi ha scherzato con i cronisti oggi a Bruxelles ricordando le perplessita' italiane sul pacchetto clima-energia dell'Ue di cui e' chiamato oggi a discutere il Consiglio europeo. Berlusconi ha infatti sottolineato di trovare ''assurdo parlare di emissioni quando c'e' una crisi in atto: e' come uno - ha proseguito il premier - che ha la polmonite e pensa di farsi la messa in piega...''. Insomma, ha concluso, ''ci aspetta un compito molto difficile''.

Un orologio da polso blu con stelle bianche ed il volto del presidente eletto degli Stati Uniti, Barack Obama, ritratto nel quadrante. Silvio Berlusconi lo ha mostrato ai cronisti e ai giovani di Forza Italia che lo aspettavano alla tradizionale riunione dei leader del Ppe che precede il Consiglio europeo che si apre oggi. ''Non lo indossero' - ha detto scherzando il presidente del Consiglio - ma l'ho portato per far fare due risate ai colleghi. Me l'hanno regalato...'', ha concluso Berlusconi allontanandosi con il sorriso sulle labbra

Si è aperto intorno alle 15 il Consiglio europeo, che si preannuncia serrato soprattutto per il negoziato riguardante il pacchetto-clima ed energia. Ma i leader europei hanno un'agenda molto intensa, che comprende anche la discussione per uscire dalla impasse sul Trattato di Lisbona e il via libera al pacchetto Ue per contrastare la crisi economica. La presidenza di turno francese sta lavorando a pieno regime in un rush finale, per arrivare alla apertura del vertice europeo con una ulteriore bozza di conclusioni.

Per quanto riguarda il Trattato di Lisbona e la possibilità di superare definitivamente gli ultimi ostacoli posti dall'Irlanda, la presidenza francese propone di tenere la composizione della Commissione Ue a 27 e di tenere conto, con garanzie giuridiche, delle preoccupazioni di Dublino per quanto riguarda le politiche fiscali, di famiglia e sociali e per il mantenimento della tradizionale neutralità irlandese. In cambio i leader europei vogliono l'impegno di Dublino a ratificare il Trattato di Lisbona entro la fine del mandato della Commissione Ue, previsto per il 1/o novembre 2009. La Francia ha anche presentato una bozza di conclusioni riguardanti il clima e nel nuovo testo di compromesso emerge l'Italia che ha ottenuto più flessibilità e garanzie, in particolare a tutela delle industrie manifatturiere, che costituiscono per il nostro Paese una delle cosiddette "red-lines".

Continua a leggere...

lunedì 8 dicembre 2008

Immacolata Concezione





Ecco concepirai un figlio e lo darai alla luce.
Dal Vangelo secondo Luca


In quel tempo, l’angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret, a una vergine, promessa sposa di un uomo della casa di Davide, di nome Giuseppe. La vergine si chiamava Maria. Entrando da lei, disse: «Rallègrati, piena di grazia: il Signore è con te».
A queste parole ella fu molto turbata e si domandava che senso avesse un saluto come questo. L’angelo le disse: «Non temere, Maria, perché hai trovato grazia presso Dio. Ed ecco, concepirai un figlio, lo darai alla luce e lo chiamerai Gesù. Sarà grande e verrà chiamato Figlio dell’Altissimo; il Signore Dio gli darà il trono di Davide suo padre e regnerà per sempre sulla casa di Giacobbe e il suo regno non avrà fine».
Allora Maria disse all’angelo: «Come avverrà questo, poiché non conosco uomo?». Le rispose l’angelo: «Lo Spirito Santo scenderà su di te e la potenza dell’Altissimo ti coprirà con la sua ombra. Perciò colui che nascerà sarà santo e sarà chiamato Figlio di Dio. Ed ecco, Elisabetta, tua parente, nella sua vecchiaia ha concepito anch’essa un figlio e questo è il sesto mese per lei, che era detta sterile: nulla è impossibile a Dio».
Allora Maria disse: «Ecco la serva del Signore: avvenga per me secondo la tua parola». E l’angelo si allontanò da lei.

Parola del Signore

Continua a leggere...

domenica 7 dicembre 2008

Sandra Mondaini, a 77 Anni Mi Ritiro Dalle Scene La Malattia Mi Ha Cambiata

Roma, 7 dic. - (Adnkronos) - "E' l'ultima cosa che faccio. Ormai ho una certa eta'. Non sto molto bene. E prima che me lo dicano gli altri, preferisco dirlo io. Basta". A parlare e' Sandra Mondaini, 77 anni, che annuncia attraverso le pagine di "Tv Sorrisi e Canzoni", nel numero in edicola domani, lunedi' 8 dicembre, il suo ritiro dalle scene dopo 50 anni di grande e fortunata carriera. La Mondaini chiudera' con "Crociera Vinello", in onda su Canale 5 sabato 13 dicembre. Un film tv che ha un sapore agrodolce. "E' stata un'esperienza carina ma quanta fatica girare all'aperto e spostarsi di continuo" dice Raimondo Vianello a 'Sorrisi', sottolineando che invece lui non si ritira dalle scene e che se gli propongono un programma sportivo accetta.

E Sandra rincara: "Davvero faticoso per una come me che ha sempre detestato il cinema. E poi sulla nave, sempre a sballonzolare". L'impegno pero' era preso e "per come sono fatta io, lo si porta avanti sino alla fine". "Mi sono presa tante soddisfazioni nella carriera. Ora -confessa Sandra Mondaini a 'Sorrisi'- e' giusto pensare a vicende piu' serie. Non che il mio lavoro non sia serio, ma insomma ci sono anche altre cose. La malattia mi ha cambiato, vedi la vita in un altro modo. Impari a dare il giusto peso alle cose importanti e diventi consapevole che senza la salute non fai niente".

"Cerco di prendermi cura di me. Non ho la pelliccia firmata ma -continua Sandra Mondaini- ho il fegato intatto. E mi resta l'affetto del pubblico. A differenza di cio' che si crede, il pubblico capisce tante cose. Come l'assenza di presunzione, competizione e ambizione di persone come me e Raimondo". Lui, invece, nove anni in piu' e l'innato disincanto, rilancia: "Io lascio sempre aperta la possibilita' di fare qualcos'altro. Ma solo se mi diverto in modo particolare. Come, per esempio, presentare un programma sportivo".

Continua a leggere...

OSCAR EUROPEI: TRIONFO PER GOMORRA

(Dell'inviata Alessandra Magliaro)

COPENAGHEN - Europa sotto il segno di Gomorra: il film di Matteo Garrone, tratto dal best seller di Roberto Saviano, ha vinto stasera a Copenaghen, alla cerimonia degli oscar europei, gli European Film Awards, tutto quello che poteva vincere: 5 premi su 5 candidature, miglior film europeo, miglior attore (Toni Servillo, in condomino con il Divo di Paolo Sorrentino), migliore regia, migliore sceneggiatura e migliore fotografia. Per i film 'rivali' tra cui Il Divo di Sorrentino, nulla c'e' stato da fare.

'Dedico la vittoria - ha detto Garrone - alle persone che a Napoli stanno come in guerra, cercando di sopravvivere come in una giungla''. Da 10 anni l'Italia non vinceva il primo premio agli oscar europei, dal '98 della Vita e' bella di Roberto Benigni, e come questo anche Gomorra ha vinto il Grand Prix al Festival di Cannes. Un percorso che sembra portare dritto all'Oscar: il film e' infatti il candidato italiano ed e' gia' considerato tra i favoriti per la cerimonia di Los Angeles del 22 febbraio. ''La cosa che piu' colpisce quando sei nei luoghi in cui ho preparato e girato Gomorra - ha proseguito Garrone - e' che tante persone che vivono li' sono quasi inconsapevoli, non hanno reale coscienza della loro condizione. Sono in una zona grigia dove si confonde legale e illegale e fin quando non si lavorera' abbastanza su istruzione e disoccupazione ad esempio, la camorra continuera' a vivere all'interno di quella realta'. Tanti premi cosi' non me li aspettavo di certo, ma li ritengo una conferma che il film riesce a comunicare emozioni forti anche a chi non e' italiano''.

Gomorra e' un'opera che ormai travalica il cinema, e' un fenomeno che e' riuscito a interessare tanti paesi grazie alla potenza del linguaggio e ai temi trattati, al mondo spietato del 'sistema' camorra cosi' tragicamente realistici. Paolo Sorrentino regista de Il Divo, ha assistito alla vittoria di Garrone quasi con rassegnazione, ''non e' una sfida'' ha continuato a dire. Da Cannes i due film duellano, rivali loro malgrado, entrambi pero' simbolo di riscossa internazionale del cinema italiano, uniti dallo stesso attore, Toni Servillo, che ha vinto il premio per entrambi i film. ''Questo film, come il libro, non puo' cambiare le cose nei territori in mano alla camorra - ha detto Garrone - perche' le cose si cambiano attraverso il lavoro dei politici. Noi abbiamo dato strumenti al pubblico per capire certe dinamiche, il successo del film e del libro ci dimostra che il messaggio e' arrivato. Ma non oltre questo compete a noi''.

Quanto a Servillo, arrivato oggi da San Pietroburgo dove domani sera debuttera' con la trilogia della Villeggiatura di Goldoni, ''non e' stato difficile interpretare entrambi i ruoli di questi film: da una parte e' un caso che io li abbia fatti insieme, dall'altra no perche' con Garrone e Sorrentino condivido - ha proseguito Servillo - un profilo culturale, un orizzonte artistico che ha determinato le mie scelte. Mi fa molto piacere che questi film tornino a occuparsi della complessita' del reale, con un linguaggio molto personale''.

I tanti premi stasera a Gomorra saranno ulteriore veicolo per la distribuzione del film: ne e' convinto il produttore Domenico Procacci che con la Fandango, Rai Cinema e il contributo del ministero per i Beni Culturali ha realizzato il film. Alla cerimonia di premiazione, al Forum di Copenaghen c'erano stasera i principi di Danimarca Frederik e Mary, il commissario europeo Viviane Reding e tanti nomi appartenenti a quel club europeo del cinema di qualita' che e' sostanzialmente la European Film Academy presieduta da Wim Wenders. Oltre che per Gomorra, gli applausi piu' calorosi con standing ovation sono andati alla signora del cinema inglese Judy Danch, premiata alla carriera, e ai fondatori del gruppo danese Dogma guidati da Lars von Trier

Continua a leggere...

sabato 6 dicembre 2008

E' morto l'uomo senza ricordi



E' morto nel Connecticut a 82 anni Henry Gustav Molaison. Era conosciuto dai neurologi di tutto il mondo, ma solo con le sue iniziali. «H.M» è infatti considerato il più importante paziente della storia della neurologia. Henry, come ricorda il New York Times riportando la notizia, sapeva come si chiamava, sapeva che la sua famiglia veniva dalla zona di Los Angeles, era al corrente del crack del 1929 e della Seconda Guerra Mondiale. Ma dal 1953 , per ben 55 anni, ha vissuto ogni giorno come fosse «nuovo», perchè da allora non è stato più in grado di costruire memorie recenti e di accumulare esperienze.


L'OPERAZIONE - L'episodio che ha cambiato per sempre la sua vita fu un intervento chirurgico al cervello cui si sottopose per cercare di curare attacchi epilettici che erano diventati insostenibili per frequenze e gravita Gli attacchi erano cominciati dopo una caduta in bicicletta con conseguente trauma cranico. I medici, dopo aver tentato tutte le terapie decisero di asportargli una piccola porzione di tessuto nervoso ritenuta l'origine delle «scariche» . Il problema è che in quegli anni gli specialisti non disponevano di Tac, risonanze magnetiche o altri strumento per «guardare» dentro il cervello e tantomeno sapevano della «distribuzione» delle varie funzioni nelle diverse aree cerebrali. La memoria, per esempio, era ritenuta una funzione diffusamente distribuita a tutto il cervello. Dopo l'intervento cominciarono consulti con specialisti fatti arrivare anche da oltre confine per studiare il caso. Dall'età di 27 anni «H.M». ha sostanzialmente vissuto ogni giorno come un caso clinico, e ogni giorno gli specialisti , sottoponendolo a innumerevoli test, hanno dovuto «ricominciare daccapo» insieme a lui.

DUE MEMORIE - La svolta negli studi sulla memoria stimolati dal caso «H.M» avvenne nel 1962, quando fu pubblicato uno studio che dimostrava che il paziente aveva una parte di memoria intatta. La scoperta aprì alla comprensione dell'esistenza di due tipi di memoria fondamentali: uno riferito a nomi, facce, avvenimenti e nuove esperienze che devono essere archiviate e essere recuperate a livello cosciente, e un altro tipo che vince viene archiviato e utilizzato in modo inconscio. Questo secondo tipo è quello che permette, per esempio, di guidare o di risalire su una bicicletta dopo molto tempo e di mettersi a pedalare immediatamente senza sapere bene come mai si è ancora capaci.

COME EINSTEIN - Fu solo l'inizio. Da allora il caso «H-M» è stato da stimolo diretto o indiretto a molte scoperte che hanno permesso di conoscere i meccanismi della memoria. Henry Molaison ha vissuto la sua vita nel Connecticut, prima coi genitori, poi coi familiari, infine in un'istituzione. «La perdita della memoria lo ha reso indimenticabile», ha scritto il New York Times dell'uomo che aveva disimparato a ricordare. La morte di H.M. è stata confermata da Suzanne Corkin, la scienziata del Massachusetts Institute of Technology che per decenni aveva lavorato al caso e adesso ha ordinato di conservarne il cervello per studi futuri, nello stesso spirito di quello di Albert Einstein: un insostituibile esempio di storia scientifica.
(fonte: corriere.it)


Che ne pensate? ogni giorno, come fosse nuovo... senza ricordi... né brutti né belli ...

Continua a leggere...

venerdì 5 dicembre 2008

Auto: in Belgio paghi una prendi 2

ANSA) - BRUXELLES, 5 DIC - Paghi una e prendi due: la formula e' stata ripresa da un importante rivenditore di auto di Anversa per battere gli effetti della crisi. Per ogni auto nuova acquistata -prezzo minimo 22.800- se ne puo' portare a casa gratis anche un'altra usata scegliendola tra quelle offerte per un prezzo che arriva fino a 14.000 euro. La formula funziona: 'la clientela arriva da tutto il Belgio e dall'estero e il numero dei visitatori ai nostri show-room e' decuplicato', esulta il direttore commerciale.

Continua a leggere...

mercoledì 3 dicembre 2008

GNARI & GNARE DICEMBRE

L'Amore è lo spazio e il tempo resi sensibili al cuore.Buone feste a tutti

Continua a leggere...

domenica 30 novembre 2008

O è Natale SEMPRE o...




Immaginate come sarebbe bello se, in ogni giorno dell'anno, si vivessero le stesse emozioni del Natale! :)
Tutti più buoni... senza egoismi e rancore..
In fondo, il senso di quella giornata è proprio questo!

Quindi, o è Natale SEMPRE oppure non è Natale... mai!

Che ne pensate? Ci proviamo? :)

Continua a leggere...

Renzo Bossi bocciato per la terza volta all'esame di maturità

Dopo il ricorso al Tar il figlio del leader del Carroccio non ha superato l'esame orale sostenuto da privatista al liceo scientifico del Collegio Arcivescovile Bentivoglio di Tradate, in provincia di Varese

Varese, 29 nov. (Ign) - Non c’è due senza tre: il tabellone indica ‘Esito negativo’. Ancora una volta Renzo Bossi (Nella foto) non ha superato l’esame di maturità.

Il figlio del leader del Carroccio e ministro delle Riforme è stato infatti bocciato all'esame orale sostenuto ieri mattina da privatista al liceo scientifico del Collegio Arcivescovile Bentivoglio di Tradate, in provincia di Varese.

Una prova che Renzo Bossi, secondogenito del Senatur, aveva ripetuto dopo un ricorso presentato a seguito della bocciatura nel luglio scorso (si trattava già del secondo stop a una prova di maturità per il figlio di Umberto), quando aveva presentato una tesi su Carlo Cattaneo. Questa volta come materia principale aveva scelto la fisica, ma non ce l’ha fatta.

Dopo la seconda bocciatura, c'era stato il ricorso al Tar e per questo alla prova era presente oltre alla commissione anche un ispettore del ministero dell'istruzione. L'interessato non si è presentato di persona a guardare il tabellone, che peraltro mostrava solo il suo nome. A quanto sembra, la scuola ha avvisato telefonicamente la famiglia Bossi.

Continua a leggere...

Prima Domenica di Avvento



Ormai, è l'una di notte. Sono rientrato a casa da poco. Ho trascorso una bella serata, in compagnia dei miei amici. Voglio ringraziarli per le ore passate insieme. Fino a poche ore prima, ero immerso in una tristezza più grande di me... dalla quale spero di uscire presto.

Al ritorno dal ristorante, io e pochi altri siamo entrati nella chiesa parrocchiale di Orzinuovi, aperta in via straordinaria dalle 22 all'una di notte per le preghiere dell'Avvento, in vista del Natale.

Ci siamo soffermati alcuni minuti in silenzio. Ed è stato un piacevole modo per concludere questa serata.

Grazie.

Se volete, di seguito, c'è il Vangelo di oggi.

Dal Vangelo secondo Marco

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:
«Fate attenzione, vegliate, perché non sapete quando è il momento. È come un uomo, che è partito dopo aver lasciato la propria casa e dato il potere ai suoi servi, a ciascuno il suo compito, e ha ordinato al portiere di vegliare.
Vegliate dunque: voi non sapete quando il padrone di casa ritornerà, se alla sera o a mezzanotte o al canto del gallo o al mattino; fate in modo che, giungendo all’improvviso, non vi trovi addormentati.
Quello che dico a voi, lo dico a tutti: vegliate!».

Parola del Signore

Mc 13,33-37

Continua a leggere...

sabato 29 novembre 2008

LA TALPA: VINCE KARINA CASCELLA

ROMA - E' Karina Cascella la vincitrice della terza edizione della Talpa, il reality game di Italia 1. La talpa, la pornostar Franco Trentalance, non è stato scoperto dai compagni di gioco ma dal pubblico, e per questo ha perso il suo bottino, lasciando alla vincitrice casertana l'intero importo di 200.000 euro.

L'opinionista di 'Uomini e donne' Karina Cascella ha vinto un televoto di 520.000 voti totali, con una percentuale del 54% contro il suo compaesano Clemente Russo, il campione olimpionico di pugilato.

La serata si è svolta secondo il protocollo del reality tra test di conoscenza sulla talpa e prove di resistenza. Qualche momento di panico per la stessa Karina che ha dovuto affrontare con i suoi compagni la prova di salire una scala di legno alta quanto un palazzo di tre piani. Primo ad essere eliminato ai test Pasquale Laricchia, seguito da Melita Toniolo.

Continua a leggere...

mercoledì 26 novembre 2008

India, serie di attentati scuote Mumbai: almeno 25 morti

Attacchi simultanei e coordinati nella capitale finanziaria del Paese, 25 i feriti. Presi di mira molti luoghi frequentati da stranieri. Lo rende noto online il quotidiano The Times of India

Mumbai, 26 nov. (Adnkronos/Ign) - Almeno 25 persone sono rimaste uccise in una serie di attentati simultanei e coordinati in corso nella capitale finanziaria dell'India. Lo rende noto il quotidiano Times of India nella sua versione on line. Gli attentatori hanno preso di mira molti luoghi frequentati da stranieri, come il Taj Hotel, un albergo a cinque stelle, e il caffè Leopold's. Almeno 25 i feriti.

Una coppia di terroristi armata di kalashnikov ha aperto il fuoco e gettato una bomba alla stazione di Chatrapati Shivaji (l'ex stazione Victoria), secondo quanto ha denunciato il commissario della polizia.

Altre due esplosioni e spari sono stati registrati fuori dalla stazione. Così come nel quartiere di Colaba, dove è saltata in aria una pompa di benzina, e di fronte al Trident Hotel (l'ex Oberoi, uno degli alberghi più lussuosi della città).

Continua a leggere...

martedì 25 novembre 2008

CONTRO LA VIOLENZA SULLE DONNE




Nana, mi hai anticipato.. :) avrei voluto postarlo io :)

Il manifesto fa parte della campagna pubblicitaria di "Telefono Donna"

Come al solito, in Italia si sono subito attivati i soliti ipocriti e benpensanti (che tanto benpensanti non sono) e hanno messo i bastoni fra le ruote all'associazione.
Fa ancora fastidio a qualcuno, certamente uomo, l'idea che si possa parlare di violenza.

La maggior parte delle violenze accade fra le mura di casa e non agli angoli bui delle strade.

Ma si sà che, per certe persone, è meglio non parlare.

Hai ragione:

"Il dito indica la luna, lo stolto guarda il dito".

Continua a leggere...

di fretta^^

Scrivo dall'università in velocità...

non so se stasera riesco a connettermi, ma ci tenevo a farvi sapere che giorno è oggi.

faccio una cosa che non ho mai fatto, perchè come sa Giacomo non mi piace fare pubblicità^^, vi lascio il link di una cosa che ho scritto nel mio blog, ma commentate pure qui su sognonuvole...

http://semplicementenana.blogspot.com/2008/11/contro-la-violenza-sulle-donne.html

è una cosa che penso debba essere riportata...quindi chiedo al Daide, o a qualche altro admin se lui non può, che se non riesco entro questa sera a postarlo qui siete autorizzati a copiarlo e postarlo...

scusate la fretta,

un mega abbraccio tesori^_^



Continua a leggere...

lunedì 24 novembre 2008

Bolt 28 Novembre

Rhino è un appassionato sfegatato delle avventure di Bolt e della sua Serie Tv, alimentato da una costante dieta di Trucioli di Legno e Televisione, Rhino ha memorizzato tutti i più piccoli dettagli del nostro Eroe, Bolt, fino a quando non se lo ritrova davanti agli occhi. Dopo un Momento di Esitazione, Rhino sente il Richiamo del Dovere di aiutare Bolt a tornare a casa. Dentro la sua Palla di Vetro Rotolante, Rhino ben presto diventerà il Braccio Destro di Bolt.Come per Madagascar i pinguini vengono ricordati di più dei personaggi principali vedrete che rhino diventerà una star.
Ciao a tutti

Continua a leggere...

domenica 23 novembre 2008

Vangelo del giorno

Dal Vangelo secondo Matteo

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli:

«Quando il Figlio dell’uomo verrà nella sua gloria, e tutti gli angeli con lui, siederà sul trono della sua gloria. Davanti a lui verranno radunati tutti i popoli. Egli separerà gli uni dagli altri, come il pastore separa le pecore dalle capre, e porrà le pecore alla sua destra e le capre alla sinistra.
Allora il re dirà a quelli che saranno alla sua destra: “Venite, benedetti del Padre mio, ricevete in eredità il regno preparato per voi fin dalla creazione del mondo, perché ho avuto fame e mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e mi avete dato da bere, ero straniero e mi avete accolto, nudo e mi avete vestito, malato e mi avete visitato, ero in carcere e siete venuti a trovarmi”.
Allora i giusti gli risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato e ti abbiamo dato da mangiare, o assetato e ti abbiamo dato da bere? Quando mai ti abbiamo visto straniero e ti abbiamo accolto, o nudo e ti abbiamo vestito? Quando mai ti abbiamo visto malato o in carcere e siamo venuti a visitarti?”. E il re risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me”.
Poi dirà anche a quelli che saranno alla sinistra: “Via, lontano da me, maledetti, nel fuoco eterno, preparato per il diavolo e per i suoi angeli, perché ho avuto fame e non mi avete dato da mangiare, ho avuto sete e non mi avete dato da bere, ero straniero e non mi avete accolto, nudo e non mi avete vestito, malato e in carcere e non mi avete visitato”.
Anch’essi allora risponderanno: “Signore, quando ti abbiamo visto affamato o assetato o straniero o nudo o malato o in carcere, e non ti abbiamo servito?”. Allora egli risponderà loro: “In verità io vi dico: tutto quello che non avete fatto a uno solo di questi più piccoli, non l’avete fatto a me”.
E se ne andranno: questi al supplizio eterno, i giusti invece alla vita eterna».

Parola del Signore



Mt 25,31-46

Continua a leggere...

USA: RAGAZZO SI UCCIDE ONLINE, RETE GUARDA

NEW YORK - Internet sempre più nell'occhio del ciclone: teatro virtuale che alimenta tra i giovani il mito della "celebrità facile" e che in casi estremi diventa addirittura un palcoscenico per il suicidio. L'ultimo caso arriva dall'America. Dopo la vicenda riportata in Gran Bretagna, all'inizio di quest'anno, di sette ragazzi che avevano deciso su Internet di togliersi la vita, dalla contea di Broward, in Florida, giunge un altro macabro episodio di suicidio online Abraham Biggs, un ragazzo di 19 anni, si è ucciso dopo aver lasciato diversi messaggi sul web in cui annunciava il suo gesto e spiegava le modalità.

Ma non solo: il giovane aveva anche invitato gli utenti di un famoso sito di video streaming ad assistere alla sua morte in diretta, filmata con una webcam. Nei giorni scorsi, Biggs aveva lasciato su alcuni forum, tra cui quello del sito bodybuilding.com da lui frequentato con lo pseudonimo "CandyJunkie" (dolce avvelenato), messaggi in cui diceva di sentirsi un fallito e di voler farla finita con una dose letale di medicinali. "Sono innamorato di una ragazza, ma so di non essere all'altezza per lei" aveva aggiunto in un post. In seguito Biggs aveva deciso di andare oltre e di riproporre on line, sul sito Justin.tv che frequentava con il nickname 'Feels Like Ecstasy' (é come l'ecstasy), il video della propria morte in diretta.

"Siamo costernati per quello che è successo, il video è stato subito rimosso dal sito" ha dichiarato Michael Seibel, direttore generale di justin.tv. Dopo aver assunto una dose letale di medicinali, Biggs si è disteso sul letto della propria stanza con le spalle alla telecamera e non si è più mosso. Gli oltre 1500 utenti che assistevano alle riprese su internet hanno continuato per diverse ore a lasciare messaggi pieni di insulti (tra cui quelli che lo spronavano a "farlo davvero" pensando ad una messa in scena) finché uno di loro, vedendo Biggs inerme sul letto ormai da ore, ha deciso di avvertire la polizia. Al loro arrivo i soccorritori non hanno potuto fare altro che constatare la morte del giovane e spegnere la telecamera che ancora trasmetteva immagini, tra cui proprio l'irruzione armata all'interno della stanza da parte dei poliziotti.

Continua a leggere...

venerdì 21 novembre 2008

Noi Negramaro canto "lu pollu cusutu nculu"



Troppo forte! :)

Fa' morire dal ridere!

Povero il pollo!

Buon Weekend a tutti!
:)

Continua a leggere...

Il primo caso pediatrico al mondo

E finalmente ritorno a scrivere su Sognonuvole^_^
Ero stanca di questa assenza...ogni tanto mi fa scherzi e o non mi si apre il blog o non si carica la pagina, ma vincerò io alla fine!!si si!!!

comunque volevo tornare con uno dei miei soliti post, ma ho letto una notizia che mi ha colpito molto...
Ve la riporto pari pari:

USA, 14ENNE VIVE QUATTRO MESI SENZA CUORE E POI IL TRAPIANTO.




Roma. Quattro mesi senza cuore, poi finalmente l'atteso trapianto di organo. E' accaduto a Miami, in Usa, dove una 14enne ha vissuto ben 118 giorni priva del suo cuore, viva solo grazie a delle pompe cardiache artificiali che continuavano a far circolare sangue nel suo organismo.

D'Zhana Simmons, del South Caroline, soffriva di una cardiomiopatia dilatativa, malattia che fa sì che il cuore si dilati senza avere tuttavia sufficiente forza per pompare sangue.
Il 2 luglio scorso è stata sottoposta a trapianto di cuore, ma il nuovo organo ha fallito la sua funzione ed è stato prontamente rimosso.

Così alla giovane sono state applicate le due pompe artificiali che l'hanno tenuta in vita fino al 29 ottobre scorso, il giorno in cui è stata nuovamente sottoposta a trapianto. Un successo anche un po' italiano, considerando che a capo dell'unità di chirurgia pediatrica dell'ospedale statunitense c'è il connazionale Marco Ricci.

"E' il primo caso pediatrico al mondo", assicura Ricci, in una conferenza stampa oggi alla University of Miami/Jackson Memorial Medical Center, un incontro dove è intervenuta la stessa D'Zhana. Prima di lei, infatti, un'altra persona è sopravvissuta per ben 9 mesi senza cuore: è accaduto in Germania, ma si trattava di un paziente adulto, non di una teenager.
L'adolescente, in conferenza stampa, ha definito i mesi trascorsi priva del suo cuore come un'esperienza "spaventosa".
"Mi sono sentita - ha aggiunto con un filo di voce - come una persona che non esiste realmente. Tutto dipendeva dalla macchina che mi teneva in vita".

Ricci ha assicurato che la prognosi di D'Zhana è buona, riconoscendo tuttavia che c'è il 50% delle probabilità che la giovane abbia bisogno di un altro cuore, dunque di un nuovo trapianto, tra 12 o 13 anni.

Continua a leggere...

giovedì 20 novembre 2008

L'Almanacco del giorno

santo
Sant'Edmondo

compleanni
1889 Edwin Powell Hubble
1925 Robert Kennedy
1959 Sean Young

proverbio
Chi ha quattrini non ha cuore

accadde oggi
1914 negli Stati Uniti, la fotografia sui passaporti diventa obbligatoria
1975 il progetto di legge per la regolamentazione dell'aborto viene approvato dalle commissioni Giustiza e Sanità della Camera
1977 nell'India orientale muoiono più di 6000 persone a causa di un ciclone molto violento

scoperte, invenzioni, etc.
1998 Il 20 novembre inizia la costruzione della stazione spaziale internazionale
Con il lancio dal poligono russo di Bajkonur del modulo inizia la costruzione della stazione spaziale internazionale, sforzo dell'intera comunità planetaria per la realizzazione in comune di un'infrastruttura orbitante che sarà laboratorio scentifico e centro di ricerche

frase celebre
"Il poeta guarda il mondo come un uomo guarda una donna"
Wallace Stevens, Opus posthumous

consiglio
Contro i piedi freddi
Se soffrite del disturbo dei piedi freddi, cospargete l'interno delle calze di polvere di senape. La senape favorisce la circolazione sanguigna e quindi riscalda

cosa vuol dire
Per un piatto di lenticchie
Per poco, per nulla
Locuzione che trova le sue radici nella Bibbia e che viene utilizzata soprattutto quando si vende o si dà via qualcosa di pregiato o di valore per un prezzo di gran lunga inferiore a quello reale

consiglio per terrazzo orto e giardino
La semina in semenzaio
Il semenzaio può venire sfruttato come vivaio, cioè come reparto di transizione prima della messa a dimora, o come ambiente di radicamento delle talee, o di semplice protezione di piantine in fase di attecchimento

Continua a leggere...

martedì 18 novembre 2008

GNARI & GNARE NOVEMBRE

Tra Isole di pseudofamosi, Talpe la nostra vita va avanti.La sciura sta bene e la gravidanza prosegue nel miglior modo RINGRAZIO TUTTI QUELLI CHE CI SONO VICINO.
SCIAO A TUTTI BELLI/E

Continua a leggere...

domenica 16 novembre 2008

Test sull'attenzione

Guardate attentamente il video.. La domanda all'inizio del video è: quanti passaggi di palla fa la squadra vestita di bianco?


L'obiettivo: dimostrare che se uno non si aspetta qualcosa, ci sono altissime probabilità che non la veda neanche. Si chiama "attenzione selettiva".

Nemmeno se si tratta di... ma non ve lo anticipo... guardate il video e contate i passaggi di palla!

Questo video in realtà è uno spot girato per la sicurezza stradale.

Quando guidiamo, occhi aperti!


Continua a leggere...

sabato 15 novembre 2008

BUON COMPLEANNO DAIDE


GRAZIE A TUTTI DEGLI AUGURI.
ANCHE IERI SERA PRE COMPLEANNO SOLO BUONE NOTIZIE CONDITE DA RISATE IN AMICIZIA E DA UN VINELO SPESCIALE.OGGI IL SECONDO ROUND TUTTO IL GIORNO.VI ASPETTO.
SCIAO A TUTTI.
AH SONO 37 PORTATI BENE.

Continua a leggere...

Antibiotici sì, ma con cautela




Giornata Europea di informazione sul corretto uso degli antibiotici.

Per saperne di più:

http://www.iss.it/anti/

Continua a leggere...

mercoledì 12 novembre 2008

Legge "ammazzablogger"



In questi giorni, viene depositata alla Commissione Cultura della Camera una legge che vuole regolamentare le attività dei bloggers.



In sostanza:
- ogni blog è equiparato a un prodotto editoriale
- ogni blog che pubblica Adsense di Google o banner può risponderne all'Agenzia delle Entrate
- ogni blog deve iscriversi al ROC (Registro degli Operatori di Comunicazione)
- ogni blog è soggetto alle norme sulla responsabilità connessa ai reati a mezzo stampa
- ogni blog che non si iscrive al ROC può essere denuciato per il reato di "stampa clandestina": due anni di carcere e sanzioni economiche.

Un blogger può scegliere se iscriversi al ROC, e correre il rischio di una delle innumerevoli denunce penali e civili sui reati a mezzo stampa che risalgono al Codice Rocco del fascismo o, in alternativa, entrare in clandestinità prima di entrare in galera.
La Commissione che deve esaminare la proposta di legge inizierà a breve i lavori sulla "ammazzablogger". Un sostegno da parte della Rete la aiuterà a prendere le decisioni.


per maggiori dettagli o per lasciare commenti:

http://www.beppegrillo.it/

http://punto-informatico.it/2468674/PI/News/camera-manda-avanti-ddl-anti-blog.aspx



Che ne dite?

stiamo immobili a guardare?


Continua a leggere...

martedì 11 novembre 2008

Isola, Belen e' incinta? 'Non faro' piu' sesso'

Milano - Se qualcuno avesse provato a far luce sull'Isola dei Famosi, ora si troverebbe nel caos. Belen Rodriguez, al centro delle polemiche per un bacio dato a Rossano Rubicondi (secondo le dichiarazioni di Luxuria), potrebbe essere incinta. La modella ha confidato alla Patrizia De Blank di essere preoccupata per un ritardo di trenta giorni. La contessa, in veste di 'mamma', ha rassicurato la modella: "E' normale, viste le condizioni in cui stai vivendo. Sei anche dimagrita". Saranno state le preoccupazioni delle ultime ore?

Belen assalita da innocenti dubbi, ha continuato: "Ma quando torni, se fai sesso non protetto rimani incinta?". La Contessa ha annuito alla domanda, piuttosto perplessa. "Non farò più sesso quando tornerò!" ha proseguito la Rodriguez. E Patrizia: "Mica sei diventata vergine sull'isola?!". Qualche secondo per riflettere e Belen ha risposto con rammarico: "No, ma sono diventata single..."

A quanto pare il presunto tradimento con Rossano Rubincondi, avrebbe portato alla fine della storia d'amore con Marco Borriello, calciatore del Milan. L'attaccante invece, ha dichiarato di non guardare l'Isola dei Famosi, il lunedi sera, e di avere le ragioni per affermare che il tutto sia il frutto di una montatura dei giornali. Capito Belen? Resisti...

Continua a leggere...

tornata^^


Sono riuscita a rientrare *çç*

Ero già pronta a mandare una mail al Daide o a Giacomo *çç*
ce l'ho fatta...tutta colpa di un problema a detta del mio amico che mi ha rimesso a posto il pc che era un problema all'abilitazione dell'IP....(?_? non chiedetemi!)

adesso è tornata la scassapalle...mi dispiace cari...
so che stavate bene senza di me^^

bacini cari :* :*

Continua a leggere...

domenica 9 novembre 2008

La miglior vendetta?




Quale è la miglior vendetta che avete meditato, sognato o realizzato?

Come cristiano, praticante, dovrei pensare solo al perdono...

Si accettano consigli...

Continua a leggere...

venerdì 7 novembre 2008

Ricetta del detersivo per lavastoviglie

Ingredienti: 200 gr sale grosso, 100 gr aceto bianco, 400 gr acqua, 3 limoni con buccia tagliati a pezzetti.

Preparazione: mettere i limoni e il sale nel frullatore (tritare) per 20 sec. Mettere sul fuoco e aggiungere l’acqua e l’aceto, far bollire per circa 25 min. sbattendo con una frusta. Conservare in barattolo di vetro.

Dosi: due cucchiai nella vaschetta della lavastoviglie o quanto basta sulla spugna per lavaggi a mano.
Il brillantante può essere sostituito con l’aceto e il sale per lavastoviglie con sale grosso da cucina.

Continua a leggere...

giovedì 6 novembre 2008

BALOTELLI: GENITORI? MI HANNO ABBANDONATO E POI SPARITI

MILANO - "Se non fossi diventato Mario Balotelli, di me ai signori Barwuah non gliene importerebbe nulla". Così l'attaccante dell'Inter ha voluto replicare ai suoi genitori naturali, Thomas e Rose Barwuah, che in alcune interviste nelle settimane scorse hanno dichiarato che "vorremmo avesse anche con noi un rapporto di affetto".


Si è scritto di due persone costrette, perché povere e senza lavoro, a 'dare in adozione' il figlio. Falso - è la replica di Balotelli sul proprio sito -, perché non sono mai stato dato in adozione (ora sì che aspetto di essere adottato da quelli che considero i miei VERI genitori) e soprattutto nessuno li ha mai costretti ad abbandonarmi in ospedale quando ero neonato e a sparire negli anni successivi all'affido". Quando aveva due anni, il nerazzurro è stato dato in affido ai signori Silvia e Franco Balotelli, "non semplicemente perché lo ha detto un'assistente sociale (altra stupidaggine che ho letto sui giornali) ma perché - sottolinea Mario - l'ha deciso il Tribunale dei Minori di Brescia, con decreto firmato anche dai miei genitori biologici (che ora sostengono di essere stati ingannati)".

L'affido, fino a questo momento è stato rinnovato sempre con decreto del Tribunale. E Balotelli si chiede come mai, "nessuno abbia chiesto ai signori Barwuah, che oggi si fanno fotografare sui giornali con facce tristi e la mia foto con maglia dell'Inter in mano, una volta che sono guarito, non hanno fatto domanda in Tribunale per riprendermi? E perché - continua - per 16 anni, a parte qualche visita all'inizio, grazie alla pazienza di mamma e papà che mi portavano da loro (anche se parecchie volte non si facevano trovare a casa), hanno pensato bene di sparire salvo venire allo scoperto ora che sono diventato un giocatore di serie A?".

"Mi addolora poi che, nonostante la mia richiesta di smetterla, continuino a farsi intervistare sperando di ottenere chissà quale vantaggio e lanciando accuse bugiarde a mamma Silvia e papà Franco", continua Balotelli, sottolinenando come "non erano affatto ricchi quando mi hanno accolto, né lo sono oggi. E non hanno mai parlato male dei miei genitori biologici davanti a me (come è stato invece bugiardamente scritto) e a tutt'oggi scelgono il silenzio e il non apparire per un'unica ragione: il mio bene". "Poiché mi aspetto, a breve, di vedere i signori Barwuah lanciare appelli anche davanti alle telecamere nelle trasmissioni tv", SuperMario anticipa che "questi appelli, opportunistici e tardivi, non otterranno alcuna risposta. Ribadisco - è la sua conclusione - che penso che se non fossi diventato Mario Balotelli, di me ai signori Barwuah non gliene importerebbe nulla".

Continua a leggere...

lunedì 3 novembre 2008

Premio dolcezza





Grazie Memole per il pensiero :)

ora, mi spiace non avere più il mio blog... diciamo che è un premio "alla memoria" :)

Il banner del premio è davvero bello! Con l'altalena che si muove al passaggio del mouse! :) Potete vederlo sul suo blog... Nel nostro, abbiamo dovuto toglierlo per motivi "tecnici"


Il regolamento del premio ed il codice da copiare sono su un post nel blog di Memole:

Ecco i sette blogger (in ordine casuale) a cui voglio girare il premio:

Lapo

Stellavale

Annalisa

Francesca

Il buio e la luce

Simo

Kylie


andate a visitarli! Meritano un vostro commento! :)

GRAZIE MEMOLE!









Continua a leggere...

domenica 2 novembre 2008

Amici di Maria De Filippi: «Qui è tutto tarocco»

Leonardo, durante un fuori onda, si lascia andare a un commento che manda su tutte le furie Maria e i professori: «Secondo me lo decidono prima chi vince, sennò non è possibile!». Preso in castagna, il ragazzo si scusa ma la frittata è fatta. Ha ragione?
foto

La scuola del terrore. Guai a chi parla fuori onda, guai a chi esprime un pensiero contro. Una qualsiasi pausa pubblicitaria ormai può trasformarsi da un momento all'altro in un "rvm", una parola che praticamente è una minaccia. Dopo l'affaire Domenico, che aveva insultato la Celentano durante un break e che si è ritrovato fuori dalla scuola con il suo zaino in spalla (espulso per un mese), è toccato a Leonardo. Il ragazzo, durante i consigli per gli acquisti, ha osato dire la seguente frase: «Secondo me lo decidono prima chi vince, sennò non è possibile!» e Maria l'ha subito beccato, mandato in onda e preso per le orecchie. De Filippi offesa, professori infuriati, studente disperato. La formula delle scorse settimane - premiante in temrini di ascolti - è stata riproposta.

Il ragazzo ha tentato di giustificarsi e di spiegare la sua motivazione: la sfida tra squadra del sole e squadra della luna s'era assestata sul 3-0 e Leonardo, della luna, stava dunque perdendo. Secondo lui le sfide messe in campo durante la puntata e scelte dai professori erano tutte a vantaggio degli avversari. Insomma, i docenti avrebbero selezionato solo quelle in cui i ragazzi del sole primeggiavano. Ma a nulla sono valse le sue scuse, ormai la frittata era fatta e i professori arrabbiati. Maria De Filippi gli chiede se reputa il programma tarocco: «Se pensi questo, forse qui non ci dovresti stare». Patrick Gastaldi, che tace 99 volte su 100, prima rimane indignato, poi ricorda che la classe insegnante non è lì per recitare un copione. Poi è il turno di Steve, «Tu accusi tutti quanti», di Alessandra: «È molto grave» e di Mario Astolfi, «Non basta chiedere scusa per rimettere a posto le cose». Insomma, nuova punizione o sospensione oespulsione in vista.

Intanto sul fronte prof Maura ha la meglio sulla Celentano. Dopo il sondaggio lanciato da Maria la scorsa settimana, il trionfo della docente di hip hop, ergo prossima settimana ci sarà una sfida tra Serena e un ballerino hip hop. Chi vincerà si aggiudicherà il banco. Quindi o la Celentano manterrà il suo banco di classica o Maura conquisterà il suo di hip hop. La discussione tra le due docenti, per la verità, ha scatenato negli ambienti di danza, tra i professionisti, molto più putiferio di quel che si possa immaginare. Il fatto che la Celentano, insegnante di classica, abbia sminuito la cultura hip hop definendola marginale, appena nata e di scarsa rilevanza ha fatto infuriare non pochi ballerini e coreografi. Leggiamo sul blog Cioko una lettera, che rappresenta la categoria, che è stata inviata alla trasmissione ma - per ora - ignorata dalla redazione: «Mi chiamo Alessandro, ho 34 anni e ballo da quando ne avevo 9. Gli stili che ho affrontato nel mio percorso formativo sono stati vari dal rock'n'roll al moderno, dal jazz al funky per poi approdare all'hiphop e al new style (lockin, house e derivati) dei giorni nostri. [...] Io come molti miei colleghi siamo indignati per le cose dette dalla signora Celentano la puntata del 12 ottobre in riferimento alla discussione con Maura del banco di hip hop aggiuntivo. È stato detto che l'hiphop è una danza marginale, che un ballerino che fa hiphop non è versatile, che la danza classica è tutto. [...] Un discorso come quello della Celentano distrugge i sogni di chi ama la danza, offende i maestri che hanno fatto la scelta professionale di insegnare una religione come l'hip hop , offende il sacrificio e il sudore di ballerini che si impegnano tutti i giorni per migliorare ed è diseducativo per i giovani». Che succederà ora? (Libero News)

Continua a leggere...

sabato 1 novembre 2008

La prof si spoglia a scuola



Scandalo in Ungheria per lo stiptease improvvisato da un'insegnante durante una festa



Secondo quanto riportato dai media magiari, l'episodio è avvenuto nella cittadina di Zalaegerszeg. Studenti e docenti stavano giocando a "verità o conseguenza" e già altri avevano dovuto esibirsi in spogliarelli alquanto castigati. La giovane insegnante si è fatta prendere la mano ed è rimasta in reggiseno, finché un collega non l'ha coperta e portata via. Il preside ha redarguito la professoressa ma, nonostante le richieste dei genitori, non l'ha licenziata

Lo sapevo... anni di scuola buttati.. dovevo nascere in Ungheria! Viva la maestra unica! ;)

Continua a leggere...

venerdì 31 ottobre 2008

SI FA TIMBRARE CARTELLINO, CASSAZIONE 'LICENZIAMENTO LEGITTIMO'

ROMA - Per la Cassazione è legittimo licenziare un dipendente che si fa timbrare il cartellino marcatempo da un collega, perché questo comportamento lede il "vincolo fiduciario" che intercorre con il datore di lavoro. Così la Suprema corte (sentenza n.26239 della sezione lavoro) ha confermato il licenziamento disciplinare nei confronti di una impiegata di una casa di cura privata torinese, Cristina C., che si faceva timbrare il badge da Gisella, un'altra dipendente di 'Villa Iris'.

Sia in primo che in secondo grado, i giudici di Torino, con verdetto del 15 maggio 2003 e del 18 luglio 2005, avevano respinto il reclamo di Cristina, che riteneva sproporzionata la sanzione della perdita del posto di lavoro. Ora anche i giudici della Cassazione hanno bocciato il reclamo della lavoratrice, che sosteneva che il suo comportamento poteva essere punito con una sanzione minore, rispondendole che, a prescindere dal danno
patrimoniale causato o meno a 'Villa Iris', con la falsa timbratura, si era comunque rotto il "vincolo fiduciario" e la 'punizione' adottata era "congrua a fronte della gravità dell'addebito".

Continua a leggere...

martedì 28 ottobre 2008

AC DC ? NUOVO VIDEO IN EXCEL !




Il video di «Rock 'n' Roll Train» è il primo della storia del rock ad essere realizzato su un foglio di calcolo Excel

Lo sfondo è quello di Excel, pane quotidiano per molti manager, impiegati e studenti. Al posto di numeri e grafici però ci sono immagini in movimento e schitarrate a tutto volume. No, non si tratta di un virus che sta infettando i computer. È soltanto il nuovo video degli Ac/Dc, il primo della storia del rock realizzato su un foglio di calcolo. Un file con la classica estensione .xls che si può scaricare dal sito ufficiale della band. Le note sono quelle di «Rock 'n' Roll Train», primo singolo estratto da «Black Ice», l’album che segna il ritorno sulle scene della band australiana dopo otto anni di silenzio. La «Highway to Hell» cantata dagli Ac/Dc nel 1980 diventa così «Highway to Excel» con una trovata che tra blog e forum sta riscuotendo il consenso dei fan.


IL CODICE ASCII - La tecnica utilizzata per la realizzazione del video è la cosiddetta «Ascii Art». Consiste nel creare figure combinando i 95 caratteri del codice Ascii. Il risultato? Sono i fratelli Angus e Malcom Young che suonano mentre sullo sfondo scorrono i binari del treno. Chi non riuscisse a vedere le immagini (funziona soltanto con il software del pacchetto Office e occorre abilitare le Macro) può rifarsi con il video su YouTube. Un passo avanti notevole per un gruppo che fino a oggi è riuscito a vendere milioni di copie ignorando praticamente l’esistenza della Rete. Soltanto negli Usa la band ha venduto negli ultimi 5 anni più di 1,3 milioni di cd. Non male considerata la situazione del mercato discografico e soprattutto il fatto che dal 2000 i rocker australiani non pubblicavano nuovi brani. Il catalogo degli Ac/Dc, come faceva notare il New York Times qualche settimana fa, è uno dei pochi a non essere ancora stato riproposto in mp3.

DOPPIO SOLD OUT - E ancora per molto, stando ai desideri del gruppo, soltanto sugli scaffali dei vecchi negozi di dischi si potrà trovare, per esempio, «Back in black», il quarto album più venduto nella storia americana. Con il nuovo lavoro Angus e Malcom Young, rispettivamente 53 e 55 anni, e il cantante Brian Johnson, 61, tornano a suonare in giro per il mondo. Inizialmente in Italia era prevista soltanto una data, giovedì 19 marzo al DatchForum di Assago. Gli oltre 10mila biglietti sono andati esauriti in soli 50 minuti. Probabilmente non c’è stato bisogno di Excel per capire che bisognava aggiungere un’altra data. Si replica così sabato 21 marzo, sempre a Milano. Ma anche questo concerto è già sold out. (corriere.it)

Continua a leggere...

lunedì 27 ottobre 2008

MORTO IL REGISTA DI GOLA PROFONDA

WASHINGTON - Il regista di origine italiana Gerard Rocco Damiano, autore del famoso film porno 'Gola Profonda', e' morto in Florida all'eta' di 79 anni per le complicazioni seguite ad un infarto. Si era ritirato da tempo dall'attivita' dopo avere firmato una cinquantina di film a luci rosse. Ma Damiano sara' sempre ricordato come il regista di 'Gola Profonda', un film girato nel 1972 in una settimana, con Linda Lovelace nel ruolo di protagonista, al costo di 25 mila dollari.


La pellicola era diventata un fenomeno mondiale: il primo film a luci rosse proiettato nei cinema regolari, recensito dal New York Times, visto da decine di milioni di persone, realizzando incassi globali per oltre 600 milioni di dollari. Il titolo del film, Gola Profonda, un riferimento al luogo insolito dove si trovava il punto di piacere sessuale della protagonista, era entrato nella linguaggio comune diventando una miniera d'oro per i comici televisivi, da Johnny Carson a Bob Hope.

Una popolarita' accresciuta dall'uso fatto del nomignolo 'Gola Profonda' dai reporters Bob Woodward e Carl Bernstein, durante la inchiesta sul Watergate, per indicare la loro fonte piu' segreta e preziosa (identificata solo pochi anni fa come il vice-direttore dell'Fbi William Mark Felt). Il successo di pubblico di 'Gola Profonda' fu accompagnato da grandi polemiche: il film venne bandito in numerosi stati Usa, divenne un bersaglio dei gruppi religiosi (che organizzarono falo' pubblici della pellicola) mentre il protagonista maschile Harry Reems, nel ruolo del dottore che scopre la peculiarita' anatomica della protagonista, subi' una serie di processi.

Linda Lovelace, nata come Linda Susan Boreman (era stato proprio Damiano a suggerire il nome d'arte), aveva denunciato in una autobiografia intitolata 'Odissea' di essere stata costretta dal marito Chuck Traynor, con la minaccia di una pistola, a girare il film pornografico, diventato poi un emblema della rivoluzione sessuale degli anni '70.

Il regista Damiano, un parrucchiere passato al porno, aveva diretto successivamente almeno una cinquantina di altre pellicole a luci rosse - compresi altri classici come 'Il Diavolo in Miss Jones' - senza pero' mai ripetere l'enorme successo di 'Gola Profonda'. Nel mondo dei film a luci rosse Damiano si era comunque distinto per il suo tentativo di dare una trama ed una struttura alle pellicole di un genere dove spesso le sequenze sessuali sono presentate senza troppa preoccupazione per la logica della storia. Il personaggio di Damiano era stato ripreso con successo da Burt Reynolds nel film 'Boogie Nights - L'altra Hollywood' dove interpretava un regista porno che sognava anche il riconoscimento artistico.di Cristiano Del Riccio

Continua a leggere...

domenica 26 ottobre 2008

BANKITALIA: BENESSERE GARANTITO SE VERRA' ALZATA L'ETA' DELLA PENSIONE

ROMA - La ricetta è semplice: "lavorare di più, in più e più a lungo". Perché allungare l'età pensionabile e aumentare la produttività del lavoro sono le uniche vie percorribili per "il mantenimento e l'espansione del livello di vita raggiunto nel nostro paese". L'appello arriva dal vice direttore generale di Bankitalia, Ignazio Visco, che sottolinea come nel lungo periodo l'invecchiamento della popolazione costringerà a ritoccare nuovamente al rialzo l'età in cui si entra in pensione.

"E' necessario sfruttare appieno i margini ancora inutilizzati dell'offerta di lavoro, in particolare nella componente femminile, e quelli che, per l'allungamento della speranza di vita ed il miglioramento delle condizioni di salute in età più avanzate, si renderanno disponibili in futuro, rimuovendo ad esempio vincoli quali quello di un'età di pensionamento prefissata e costante nel tempo". Adesso è fondamentale "agire se si vuole evitare che il nostro Paese non riesca a mantenere negli anni futuri l'attuale livello di benessere economico e si allontani dai livelli di reddito delle economie oggi simili alla nostra". L'azione deve muoversi su due direttive: migliorare la qualità dei fattori produttivi, lavoro e capitale, e aumentarne l'efficienza, la produttività.

Due campi in cui "l'Italia è da tempo in ritardo rispetto agli altri paesi industrializzati". Va male la costruzione della qualità, soprattutto di quella umana. In primo luogo, "la qualità dell'istruzione fornita dal nostro sistema scolastico è inadeguata", ha spiegato Visco, e "il livello medio di istruzione della popolazione è ancora basso, in quantità e in qualità, e inferiore a quello di quasi tutte le economie avanzate". Ma "anche il rendimento dell'istruzione è relativamente basso nel confronto internazionale".

- SCUOLA E' UNA PRIORITA', INCENTIVARE INSEGNANTI: per Visco é quindi necessario mettere mano a scuola e università con "interventi importanti". Vanno "rivisti gli incentivi che guidano l'apprendimento come l'attività di insegnamento, va apprezzato e compensato il merito, è necessaria una migliore valutazione dei programmi, dei metodi e dei risultati". Non va certo meglio sul fronte della produttività: in primo luogo, ha ricordato Visco, negli ultimi dieci anni la produttività totale dei fattori ha ristagnato a fronte di una crescita media annua attorno all'1% negli altri principali paesi europei e all'1,5% negli Stati Uniti. "Una parte significativa di questo ritardo - ha spiegato - può essere ricondotta ai vincoli al corretto funzionamento dei mercati", all'eccesso "di regolamentazione e all'introduzione di barriere all'entrata o di misure volte a proteggere le quote di mercato delle imprese esistenti". E se l'Italia ha fatto passi avanti rispetto alla fine dello scorso decennio, quando il nostro paese aveva "il più alto livello di regolamentazione in senso anti-competitivo" fra i paesi sviluppati, "esistono margini per ulteriori miglioramenti".

Continua a leggere...

sabato 25 ottobre 2008

Uccisi familiari di Jennifer Hudson attrice premio Oscar

Rapito il nipotino, polizia sospetta del cognato della star

(ANSA) - NEW YORK, 25 OTT - La madre ed il fratello dell'attrice Jennifer Hudson sono stati uccisi a Chicago, mentre il nipotino e' stato rapito. La polizia sospetta del cognato dell'attrice, che sarebbe 'armato e pericoloso'. Il dramma si e' consumato nella casa di Darnell Donerson, la mamma dell'attrice premio Oscar nel 2007. La donna, 57 anni, e' stata uccisa con un colpo di pistola alla testa; il fratello di Jennifer, Jason, di 29 anni, era in camera da letto, colpito al petto.

Continua a leggere...

venerdì 24 ottobre 2008

Dopo 17 anni tornano i Guns 'n' Roses


NEW YORK - Per milioni di fan l'attesa è finita, dopo 17 anni: il 23 novembre prossimo esce il nuovo album dei Guns n' Roses, "Chinese Democracy", la cui realizzazione, secondo indiscrezioni, è costata oltre 13 milioni di dollari.

L'etichetta Geffen, che detiene i diritti della band, e la catena di negozi Best Buy hanno confermato le voci insistenti di uscita del disco, che sarà disponibile dal mese prossimo sia online che nelle filiali della catena.

14 CANZONI - «La pubblicazione di questo album segna un momento storico nella storia del rock n' roll», hanno dichiarato i manager del gruppo, Irvin Azoff e Andy Gould. L'album prodotto da Axl Rose - l'unico componente della band rimasto nel gruppo - e da Caram Costanzo, conterrà 14 canzoni, ma solo tre di queste non sono mai state eseguite "live" prima d'ora nè distribuite su internet. Eccezionali anche le spese di realizzazione: secondo un servizio del New York Times del 2005, i costi erano lievitati già tre anni fa a 13 milioni di dollari. Non a caso la frase "Chinese Democracy" ha iniziato a identificare tra i giovani una idea folle e senza fine. Il mese scorso si era avuto un assaggio dell'album con la canzone «Shackler's revenge», apparsa nel videogioco «Rock band 2», e «If the World», inserita nei titoli di coda del film «Body of lies».

Fonte: corriere.it

Continua a leggere...

mercoledì 22 ottobre 2008

Facebook mania


ROMA - Un clic e si diventa amici, si ritrovano ex compagni di scuola, oppure antiche fiamme. E sui comincia a condividere pezzi di vita, foto e video. Per sentirsi meno soli.

E' la Facebookmania, una passione in rapido aumento anche in Italia: gli ultimi dati parlano di 1 milione 369 mila utenti italiani (su 132 milioni nel mondo), con un incremento di visitatori del 961% in un anno ( del +135% degli iscritti). «E' una febbre che contagiato in particolare la fascia tra i 30 e i 40 anni, e non a caso: questo mondo virtuale è infatti vissuto come un antidoto al senso di vuoto e alla solitudine, che in questa fase della vita, fitta di bilanci, contagia anche i cosiddetti vincenti» commenta Paola Vinciguerra, presidente di Eurodap (Associazione europea disturbi da attacchi di panico) e direttore dell'Uiap (Unità operativa attacchi di panico) alla Clinica Paideia di Roma.


IL RADUNO ITALIANO - Se infatti il sito è nato richiamandosi - anche nel nome - agli album fotografici che le università americane pubblicano a inizio anno accademico per ritrovare amici perduti, oggi i nostalgici a caccia degli ex compagni di classe sono solo uno dei tanti profili dei facebook-maniaci: ci sono i «troppo soli», gli insoddisfatti, quelli con l'alter ego, quelli che lo fanno per farsi pubblicità, i cuori infranti e, naturalmente, i latin lover virtuali. A testimoniare la passione per questo colorato mondo online c'è anche un incontro organizzato per mercoledì 22 a Milano, alla discoteca Limelight, per riunire la Facebook community lombarda. Ma stando agli esperti, il crescente scambio di messaggi, foto e contatti possono essere anche la cartina di tornasole di un disagio sempre più diffuso. «L'enorme sviluppo di Facebook è anche spia di un grosso problema di solitudine - diagnostica la Vinciguerra , analizzando il fenomeno con l'Adnkronos salute - Abbiamo costruito la nostra vita su un'immagine capace, vincente, superorganizzata. Ma a 30-40 anni, che gli obiettivi che c'eravamo posti siano stati raggiunti o meno, si fa strada un senso di vuoto, perchè più che l'essere abbiamo curato l'apparire».

«COLOSSALE ILLUSIONE» - Così finiamo per ricercare quelli che sono sentiti come «rapporti veri: i compagni di scuola, gli amici di tante estati al mare, i ragazzi del cortile. Quelli a cui davamo e ricevevamo sostegno e comprensione sinceri. Oggi nel mondo reale recitiamo un po' tutti - avverte la Vinciguerra - ma in passato non era così». «Facebook permette a tante persone di pensare di essere importanti, solo perchè hanno decine e decine di amici virtualì, ma purtroppo si tratta spesso solo di una colossale illusione», sostiene Tonino Cantelmi, psichiatra e psicoterapeuta, docente di psichiatria dell'Università Gregoriana di Roma, e fra i primi a occuparsi del problema delle tecno-dipendenze in Italia. «Occhio però, perchè dimenticano che resterà per sempre traccia sul web del cumulo di menzogne o banalità narcisistiche che si immette nella rete», avverte Cantelmi. E spesso le menzogne vengono al pettine, come è già accaduto nel caso di coppie in cui uno dei due si presenta single sul sito, e l'altro lo scopre. «Si è disperatamente in cerca di una realtà diversa, anche sentimentalmente, così si altera la verità», dice la Vinciguerra.

GLI IDENTIKIT DEI «FACEBOOKMANIACI» - Ecco, secondo gli esperti, l'identikit dei popolo di Internet contagiato dalla Facebookmania.

1) I nostalgici: Si emozionano alla vista delle foto dei compagni di classe delle medie o del liceo. Cercano gli amici del passato per vedere come sono invecchiati, e commentano i bei tempi andati. Una nostalgia per i vecchi tempi che, di fatto, è un rimpianto per i rapporti veri e perduti, per un'infanzia e un'adolescenza ormai lontana e mitizzata.

2) I latin lover virtuali : Dichiaratamente a caccia di nuovi potenziali partner, ma anche di ex piacenti e disponibili. Spesso celano una relazione (se l'hanno) e rimpinzano il proprio profilo e gli album con foto sexy o interessanti, a volte ritoccate. In genere accumulano decine e decine di amici dell'altro sesso, con i quali fanno i misteriosi. «Ma alla fine si tratta di persone sole o profondamente infelici con il partner, che ricorrono a cumuli di banalità narcisistiche per rendersi interessanti», spiega Cantelmi.

3) I cuori infranti: Prostrati dall'ultima relazione, in corso o finita, sono a caccia degli antichi amori, mitizzano i ricordi. Hanno l'impressione di essersi persi per strada qualcosa di vero. «In questo caso l'insoddisfazione e la solitudine vanno a braccetto - spiega la Vinciguerra - e si cerca di darsi un'altra chance» grazie alla rete.

4)Gli insoddisfatti: Infelici anche se hanno una famiglia e dei figli, spesso sono donne. Non trovano spazio per il sogno, il romanticismo e quel pizzico di avventura, che finiscono per cercare su Facebook.

5) Quelli della pubblicità: Sono più o meno famosi, politici, campioni dello sport, attori. Ricorrono a Facebook in modo strumentale, per farsi mega-spot gratuiti.

6) Quelli con l'ater ego: Dai 400 burloni che si sono presentati nei panni del calciatore Francesco Totti, ai tanti Giulio Cesare o Maria Antonietta, a quelli che pubblicano foto diverse o ritoccano la descrizione vantando titoli ed esperienze di fantasia. Soli e in cerca di contatti, si mettono una maschera per ottenere attenzioni e credibilità nel mondo virtuale.
(fonte: corriere.it)

Continua a leggere...

LA MAMMA DI VENERDI': NON LO CHIAMERO' MAI GREGORIO

ROMA - ''Per noi si chiama e si chiamera' sempre Venerdi', che e' un nome bellissimo''. Mara Ortu e' ''dispiaciuta e amareggiata'' per la sentenza della Cassazione che conferma la scelta dei giudici di Genova e le impone di chiamare il figlio Gregorio Magno invece che Venerdi'. ''Mannaggia'' risponde alla richiesta di un commento, poi spiega: ''siamo andati fino in Cassazione perche' eravamo convinti che cambiando citta' si potesse vincere questa causa, molti avvocati ci davano ragione, e' incredibile che questa storia finisca cosi''.


Lei e il marito Diego continueranno a chiamare il bambino Venerdi', ma Mara non vorrebbe arrendersi neppure ora che l' ultimo giudizio e' stato negativo: ''vorrei che ci fosse una autorita' ancora superiore a cui rivolgerci - spiega - ma mi rendo conto che non e' possibile''. ''Guardi, sono veramente amareggiata - spiega ancora -, ci tenevo veramente a vincere questa causa perche' non e' giusto non potere scegliere il nome per il proprio figlio, non e' giusto che lo Stato possa imporre un nome. Dire che Venerdi' e' un nome ridicolo e' inoltre offensivo, anzi la ritengo una discriminazione. Io e mio marito eravamo indecisi tra Venerdi' e Mercoledi', non pensavamo certo a 'Robinson Crusoe', il libro di Daniel Defoe, dove il personaggio di Venerdi' e' ritenuto comunque positivo da molti studiosi''.

Anche il papa' di Venerdi' e' amareggiato: ''cosa devo dire, non mi aspettavo che finisse cosi' - dice Diego -, non e' giusto''. Nel bar Dodo di Genova Nervi, che gestisce con il marito, Mara e' ormai assediata dai cronisti che le chiedono commenti e intanto giocano con Venerdi', che ha due anni (e' nato il 3 settembre del 2006) ed e' un bel bimbo con i capelli lunghi e biondi e gli occhi verdi.

Venerdi' ride e chiama ''mamma, mammma'', poi corre da papa' e gli salta in braccio: ''ciao'' dice al telefono, ma ora non gli va di pronunciare il suo nome, si intimidisce come tutti i bimbi della sua eta'. Ride ancora, poi scende a terra e salta in braccio alla mamma. Che non riesce proprio a togliersi di dosso l'amarezza: ''Quando annunciavo il suo nome, all'inizio diversi amici rimanevano perplessi - ricorda Mara - poi ci hanno fatto l' abitudine e oggi mi incitano a resistere. Mi dicono Mara non puoi piu' cambiargli nome''. La donna lancia al marito uno sguardo d'intesa. Lui la prende in giro perche' sta dicendo a tutti che Venerdi' e' stupendo e simpaticissimo: ''cosa deve dire una madre?''. Poi sottovoce: ''se arriva il secondo si chiamera' Mercoledi', magari l'impiegata dell'anagrafe questa volta non ci fa caso, nessuno se ne accorge e noi viviamo in pace''.

Continua a leggere...

martedì 21 ottobre 2008

'LOST' POTREBBE DIVENTARE UN FILM

LOS ANGELES - Lost potrebbe presto diventare un film. J.J. Abrams, il creatore e produttore esecutivo della celebre serie televisiva (giunta ormai alla sua quarta stagione) in un'intervista per Mtv News ha infatti lasciato intendere che il telefilm potrebbe essere adattato per realizzare un lungometraggio cinematografico.

"Abbiamo deciso di concludere Lost con la sesta serie, - ha raccontato Abrams - ma non escludiamo una versione per il grande schermo. Anzi, se sapremo sviluppare la sceneggiatura giusta, il progetto andrà in porto: ci vuole una storia nuova e in parte indipendente dallo show tv". Lost racconta le avventure di un gruppo di sopravvissuti a un disastro aereo persi su un'isola misteriosa ed è interpretato da Matthew Fox, Dominic Monaghan, Evangeline Lilly e Josh Halloway. La quinta stagione andrà in onda negli Stati Uniti a partire dal gennaio 2009

Continua a leggere...

lunedì 20 ottobre 2008

PLAGIO:IL RE E ZUCCHERO

Per scoprire quello che dico clicca su PLAGIO

Continua a leggere...

GNARI & GNARE DELLE PANCHE OTTOBRE

Oggi il ginecologo ci ha detto che va tutto bene e che un maschio..sciao a tutti

Continua a leggere...