mercoledì 29 aprile 2009

Arresti per pedofilia


Due bergamaschi di Ponte San Pietro, operai di 57 e 48 anni, entrambi sposati e padri, un uomo di 42 anni della provincia di Treviso e un medico sessantenne di Catanzaro sono stati arrestati nell'ambito di un'operazione contro la pedofilia on line coordinata dalla Procura della Repubblica di Siracusa e eseguita in 16 regioni italiane dal Nucleo investigativo telematico aretuseo con l'impiego di 200 militari, tra carabinieri e guardia di finanza.
I due bergamaschi detenevano una ingente quantità di materiale pedopornografico, in totale

circa un migliaio tra filmati e fotografie hard.
Al centro dell'inchiesta, che si avvale di un collaboratore della giustizia e in cui sono indagate 69 persone, la realizzazione di film pedofili di genere sadico. Sono stati sequestrati dei filmati che sarebbero stati verosimilmente girati nell'ambito dei circuiti del turismo sessuale, con le riprese di violenze estreme su bambini e bambine di 4-5 anni imbavagliati e legati. Si vedono i volti degli stupratori, che non fanno parte dell'inchiesta, e tra loro c'è anche una donna. I filmati sarebbero stati scambiati su Internet tra gli indagati che non sono però tra le persone riprese nei filmati. Le regioni interessate dalle indagini sono Lombardia, Emilia Romagna, Sicilia, Veneto, Lazio, Puglia, Toscana, Calabria, Piemonte, Liguria, Campania, Basilicata, Abruzzo, Marche, Sardegna e Trentino
Gli indagati sono per lo più professionisti di età compresa fra i 40 e i 60 anni. Sette di loro in passato sono stati già denunciati per reati sessuali nei confronti di minorenni.
In Lombardia l'operazione anti pedofilia è stata eseguita nelle province di Bergamo, Brescia, Como, Lecco, Milano, Pavia, Sondrio e Varese. In Sicilia a Siracusa, Acireale, Aci Catena, San Giovanni La Punta, Gela, Caltanissetta, Palermo e Modica. In Veneto nele province di Rovigo, Padova, Venezia, Verona, Treviso e Belluno, mentre in Emilia perquisizioni sono state eseguite nelle province di Bologna, Modena, Rimini e Ferrara. Le indagini del Nit, coordinate dal Procuratore della Repubblica di Siracusa Ugo Rossi, dall'aggiunto Giuseppe Toscano e dai sostituti Antonio Nicastro e Anna Trinchillo, sono state avviate dopo una serie di denunce dell'associazione Telefono Arcobaleno.

Continua a leggere...

martedì 28 aprile 2009

THE BASTARD SON OF DIONISO

The bastard sons of Dioniso è un power trio nato nel 2003 dall’unione delle esperienze di tre giovani musicisti trentini. Dopo anni di militanza in svariati gruppi, con questo progetto riescono a trovare sintonia e naturalezza non indifferenti, sorretti anche da una profonda amicizia che lega i tre anche al di fuori della vita artistica. Dal 2004 cominciano le esibizioni live e ad oggi contano circa 230 date in piazze e locali del Trentino.
Il loro genere prende spunto dal rock anni ’70 fino ad arrivare allo stoner contemporaneo, con venature punkeggianti e vocalizzi a tre voci stile Beatles e Crosby Stills Nash & Young.
La particolarità del gruppo è la possibilità di proporre due diversi live set: uno interamente hard’n’roll (chitarra/basso/batteria), l’altro in versione unplugged con chitarre acustiche, nel quale i TBSOD ripropongono pezzi originali affiancando cover di Kings of Convenience, Crosby Stills Nash & Young, Tenacious D e Beatles.
In tre anni vincono i maggiori concorsi trentini, quali Concentratissimo Rock 2005, Girorock 2006, Festival Acustico di Trento 2006, Aspettando Mesiano 2006, Suoni Universitari 2007, mentre si classificano secondi alle selezioni regionali di Arezzo Wave 2007. Da quest’anno cominciano a farsi sentire anche fuori regione, partecipando a eventi più importanti: fra questi anche il Festival delle Radio Universitarie di Padova.
Sono stati più volte ospiti di trasmissioni radiofoniche, per interviste o veri e propri concerti in diretta, negli studi di Radio RAI, Radio Dolomiti, RTT, Radio NBC e Radio Gamma.
Hanno condiviso il palco con artisti di fama nazionale quali: Caparezza, Derozer, Franky Hi-NRG, OmarPedrini, Gatto Panceri, Labyrinth, Andrea Braido, Federico Poggipollini, Sun Eats Hours, Bikini the Cat, Paolo Benvegnù, Julie’s Haircut, Persiana Jones, Red Worms Farm.
Il gruppo ha all’attivo un album elettrico “Great Tits Heat!” (in meno di un anno sono state vendute quasi 1000 copie solo ai concerti) e uno acustico pubblicato nell’estate 2007, dal titolo “Even Lemmy Sometimes Sleeps”, disponibile nei più importanti negozi di dischi della provincia.
Ora sono impegnati nella registrazione del secondo album elettrico, che è costato due anni di composizione e soprattutto di ricerca di un sound sia grintoso che melodico, senza però cadere nella banalità tipica dei gruppi rock contemporanei (emergenti e non).
La nostra storia...

15.08.2003 - Mas dei Gianeti
Tutto ebbe inizio lì dentro: al Mas dei Gianeti, angusta baita nei pressi di Rizzolaga. Sfortunatamente non siamo in possesso di testimonianze fotografiche della prima suonata dei TBSOD. Ricordiamo solo che suonammo cover di AC/DC, Deep Purple, Led Zeppelin, Black Sabbath. Grazie a quella serata capimmo che c’era intesa e il gruppo si formò ufficialmente sotto il nome di The Bastard Sons of Dioniso. Per tutto l’inverno provammo in una cantina a Vigolo, dove presero vita i primi pezzi originali, ma la temperatura sotto lo zero non permetteva delle ottime prestazioni, e ben presto traslocammo tutto a circa una cinquantina di metri di distanza, nella mansarda del mitico Roberto, padre del batterista, dove regnava incontrastata la fornasela! (“stufa a legna” per i furesti). I pomeriggi a incollare cartoni delle uova sulle pareti passarono in fretta, tanto che ben presto arrivò il primo concerto, alla Tana, poi un secondo alle scuole Garbari di Pergine, dove però fummo costretti a cambiare il nome perché troppo volgare: per quella volta fummo gli Old Stcheckena (“Vecchio Accendino”, in una lingua inesistente). Il primo vero concerto arrivò solo nel maggio del 2004, all’AVIS Rock, assieme a Swicers e Roxeen. Non possiamo stare qua a descrivere tutti i concerti, basta andare nella Shows Timeline, perciò cito solo i più interessanti. In luglio ci iscrivemmo al primo concorso, il Sagrock di Verla, dove magicamente ci piazzammo al primo posto e venimmo invitati a suonare all’Happy Ranch in occasione della festa della birra. Due settimane dopo eccoci all’Happy Ranch: un luogo incantato nei pressi del Lago Santo, dove il profumo dei fagioli alla texana ti allieta costantemente. Un bel palco all’aperto, fiumi di bibi, braciole a iosa, e l’impavido toro meccanico. Suonammo alla sera e la nostra esibizione piacque alla gente (soprattutto una canzone dei Darkness che rimarrà il cavallo di battaglia per molto tempo), e venimmo invitati a suonare anche la sera dopo: non posso descrivere cosa succedette la seconda sera perché non è educativo, diciamo solo che suonammo e alla fine del concerto ci rifecero suonare cover degli AC/DC. Vennero altri concerti, ma il salto di qualità arrivò quando venimmo chiamati a sostituire un gruppo al Concentratissimo Rock 2004, e facemmo una buona impressione. Il primo concerto indipendente arrivò a novembre al Club Caribe di Mattarello. Per tutto l’inverno non uscimmo dalla sala prove, cercando di creare e curare meglio le nostre canzoni, fino al febbraio 2005, quando decidemmo di fare il nostro primo demo al Centro Musica di Trento. Questo demo fu di grande importanza nei mesi successivi, perché riuscimmo finalmente a farci un po’ sentire, tanto che ci chiamarono ad esibirci in numerose occasioni. Passammo per il Talpa e il Chalet de la Mot a Pinè, dove ci sentì per la prima volta il Caio, che si innamorò del nostro grezzo rock e ci seguì (e ci segue tuttora) in tutti i concerti che seguirono. In concomitanza con gli esami di maturità decidemmo di imparare un piccolo repertorio acustico, (con cover di Led Zeppelin, Kings of Convenience, Bon Jovi, Nirvana, e pezzi nostri) da proporre alla Festa della Musica Europea di Arco. Durante l’estate 2005 partecipammo a svariati concorsi, e al più importante, Concentratissimo Rock 2005, vincemmo la categoria brani originali, mentre i leggendari Full Stop dominarono sulle cover con un tributo ai Deep Purple. Un anno dopo il primo concerto all’Happy Ranch, ci ripresentammo e fu nuovamente una splendida serata. Il concerto più folle si tenne al Club Caribe il primo Ottobre 2005 dove regnò l’anarchia.
Jacopo Broseghini - "Jappy"

Nel cuore dell'altipiano di Pin é (mt 1000 slm, grande centro turistico sportivo polifunzionale, col lago verde, il rally di S.Martino nonché il Piné Rock), la vigilia della vigilia di Natale del 1986 viene riposto nella culla un gaio fanciullo dai tratti paciosi, che grazie alla nonna Bruna (in onore del tiranno decapitato che spadroneggiava nelle terre feudali pinetane nell'epoca oscura dell'età di mezzo) risulta all'anagrafe Jacopo Broseghini. All'età di 5 anni scopre che lo strano ed arcaico mobile di legno riposto in un angolino del soggiorno non è una semplice scarpiera-fioriera, bensì un pianoforte. Da quel momento ogni suo pensiero sarà associato alle sette note (compreso il si#). Alla precoce età di 7 anni scopre grazie all'amatissimo cugino "El Cirio" l'emblema del rock: gli AC/DC. Il bigottismo pat-materno impedisce al giovane pinetano di recarsi all'evento della vita: gli AC/DC in concerto al Palaonda di Bolzano. Nonostante la delusione ed i suoi teneri 7,5 anni di età non demorde, gli AC resteranno per sempre nel suo cuore e deciderà di donare anima e corpo al Rock. Comincia da autodidatta lo studio del basso elettrico, militando in svariati gruppi composti sempre dai medesimi membri: passò dai Sin City ai Silver Tears, dai Sons Bastard of Dioniso ai Motorbreath. Ma con questi gruppi la cultura musicale non progredisce, anzi, si preferisce dilettarsi nell'arte del Gomito Alto, come impongono usi e costumi pinetani. Sarà la scelta degli studi medio-superiori all'I.T.I. Michelangelo Buonarroti via Brigata Acqui 15 a dare una svolta radicale alla sua vita. Grazie alla nuova attività di "marinaio" entra in affinità con l'esimio collega Federico Sassudelli, costruendo un'amicizia basata sul Rock e sul QB Bar (grazie Laura!!!). Dopo una breve militanza nel ben noto complesso LDF nasce in lui un profondo desiderio di esprimere con musica propria i pensieri che lo assillano (figa) e per questo trova sostegno in Fede. La scelta di entrambi di diventare periti edili li porta alla conoscenza del terzo soggetto (Michele Vicentini). Dopo un anno di intensi studi e di approfondimento dell'amicizia (prime encicliche papali Rerum Novarum assieme) decidono di darsi appuntamento alla Madonna di agosto 2003 al leggendario Mas dei Gianeti. Nascono i TBSOD e tutto il resto è storia.
Federico Sassudelli - "Fede"

Prima del disastro di Chernobyl, sotto una soffice ma quasi abbondante coltre di 2 metri di neve, la comunità vigolana vede risplendere una festosa e luminosa cometa sopra via Baloti (sotto ‘n do che abitava l’Angelica): un piccolo soldo di cacio rompe la porta di Olly facendosi strada con un paio di ProMark Mike Portnoy Signature (da qui la sua attitudine ad aprire porte). Papi Roberto cominciava tragicamente a vedere la sua folta chioma diradarsi a causa della malaugurata abitudine del pupo ad arrampicarsi sulle corde della sua Takamine ed a slegnare una fasulla microbatteria Bontempi sul pè d’oca del giroscale, canticchiando allegro Enrico Ruggeri. Per distoglierlo da questa chiassosa attività la Olly lo spedisce a 7 anni a studiare la teoria musicale alla Banda di Vigolo Vattaro. Dopo un anno di smarrimento nel limbo dell’armonia può finalmente sfogare tutto il suo desiderio musicale nella tromba e sul rullante. Anni d’oro…molte marce…grandi concerti e gratificazioni…ma tutto ciò non bastava. A 13 anni, spinto dalle vibrazioni del padre che dal Brasile raggiungevano Vigolo, comincia a suonare una chitarra trentennale scordata ispirato dalle sonorità latine di Carlos Santana. Poco dopo forma il primo gruppo: gli LDF. Nello stesso periodo entra trombando al conservatorio e si licenzia in teoria e solfeggio musicale. La scelta del percorso d’istruzione lo porta ad una lenta ma efficace distruzione: l’assenteismo scolastico comporta l’inevitabile conoscenza di Jacopo Broseghini. La decisione di diventare perito edile lo porta a conoscere Michele Vicentini, con il quale intraprende un’esperienza anni ’70 con i Take it Easy, e successivamente il rock alternativo degli Swicers, con Martina Vivian al basso (grazie Martina!!). Partecipa all’appuntamento della Madonna d’agosto 2003 al leggendario Mas dei Gianeti. Nascono i TBSOD e tutto il resto è storia.
Michele Vicentini - "Wice"

Esce dall’Adri il 10 ottobre ’86, dopo una nefasta eliminazione ai mondiali del Messico, mentre già papà Lino immaginava le bislacche avventure del Zock Gruppe e il fratellone si dilettava a disseminare denti sul campo da hockey perginese catalogandoli con minuziosa perizia. Dopo un’infanzia trascorsa a costruire città-giardino per scarafaggi stercorari e studiando metodi di eliminazione di massa per topi, mamma Adri lo manda alla Civica Scuola Musicale Camillo Moser contro la sua volontà: “Al trombon no te podi cantarghe drio, borsa!! Te fai chitarra!!”. Il piccolo Michy si sottomette agli ordini supremi e quindi, in terza elementare, intraprende gli studi liutistici. Dopo 5 anni la classica di Leo Brouwer gli fa un po’ girare i chitarrini e lo zio Moleta lo prende sotto braccio prestandogli un’elettrica Ovation Celebrity con annessa pedaliera Boss. E’ il primo incontro col mondo contorto del rozzo distorto. Dopo una lunga e travagliata carriera nell’Hockey Pergine molla tutto per diventare l’ennesimo “borsa punk-rock”, formando il primo gruppo: gli Avio SD. Cambiano i nomi ma non la sostanza: Avio, Sloths, Accidia…ma è il solito e menoso punk. Passano gli anni e i ditini si svegliano…il provetto servo della gleba sbarca nello psichedelico mondo degli anni ’70: si spara i Deep e gli Zeppelin grazie all’incontro sfavillante con Federico Sassudelli. Il loro idillio li porta alla nascita dei Take it Easy. L’ondata alternativa lo travolge e riposti nell’armadio zeppe, pantaloni a zampa e capelli lunghi, fonda gli Swicers, con i quali vivrà momenti di intensa soddisfazione. Successivamente Jacopo gli fa scoprire il magico mondo di Angus e co, invitandolo all’appuntamento del 15 agosto all’epico Mas dei Gianeti. Nascono i TBSOD e tutto il resto è storia.

Continua a leggere...

sabato 25 aprile 2009

CASTING AMICI 9 25 APRILE 2009

Comincia la seconda puntata dei Casting di Amici 9. Si giudicano solo il canto e il ballo. Maria De Filippi ricorda che la scorsa settimana sono stati in pochissimi a superare questa prima fase anche per via di una maggiore rigidità dei professori di ballo nella selezione dei ballerini. La Celentano però ci tiene a precisare che lei non si è affatto irrigidita: è sempre stata così!

I primi a provarci sono sei ballerini di moderno che devono improvvisare su tre stili diversi. Ciascuno indossa una pettorina numerata in modo che, mentre ballano, Maria possa chiamare gli esclusi in base al volere della commissione. Di questi ragazzi ne rimangono solo due che, per la maggioranza dei voti, possono accedere alla fase successiva.

Prima di proseguire Maria fa entrare in studio Marco Carta che promuove l’imminente tour e presenta il nuovo singolo. Si passa quindi ai cantanti che verranno scelti in base al giudizio insindacabile di Vessicchio. La commissione di canto, tuttavia, può chiedere di rivedere gli esclusi che trovano interessanti. Cinque ragazzi cantano Vivo per lei e Vessicchio elimina tutti, ma di questi la giurata Karin Mensah vuole risentirne uno.

Categoria ballo moderno donne: le cinque ragazze che si presentano vengono escluse dopo appena pochi secondi di performance.

Quest’anno, come era stato anticipato, ci sarà anche la categoria dei tenori e quella dei musicisti. La De Filippi vuole che la commissione esamini un ragazzo che lei ha già sentito e che è sia tenore che musicista. Il cantante propone al piano Miserere dimostrando di essere piuttosto bravo. Vessicchio sembra colpito ma vuole sentirlo anche in un classico, Nessun dorma. Davvero bravo! Per lui c’è addirittura la standing ovation dello studio. “Ti richiameremo” gli fanno sapere Maria e Vessicchio.
Ci provano ora alcune ballerine di hip hop che però vengono eliminate tutte quasi subito. Ad un certo pubblico scende in pista una ragazza decisamente appariscente (molto formosa e con ricci alla Telespalla Bob!) che, pur non essendo bravissima, ci mette tutto il suo impegno e balla scatenata, dimenandosi con foga, tanto da conquistare le simpatie della De Filippi. Niente da fare nemmeno per lei, ma almeno si è divertita! Si esibisce anche Pier Paolo, sempre per l’hip hop, che riesce a passare il turno.

Di nuovo cantanti uomini: Vessicchio ne sceglie solo uno, una delle giurate ne salva un’altro. Un cantautore propone un suo brano accompagnandosi con la chitarra e poichè Vessicchio lo trova interessante, può passare.

Categoria classica: la Celentano sa quello che vuole e dopo pochi secondi liquida tutti i ballerini che si presentano.

Altri cantanti uomini sostengono il provino cantando Vieni da me: questa volta Vessicchio ne fa passare due. Ballo uomini: solo un ragazzo, che dice di studiare da poco, ottiene il consenso dei professori che vedono in lui qualcosa di interessante. Solo la Celentano è contraria.

Salvatore, cantautore napoletano, comincia a cantare il suo pezzo ma Vessicchio lo ferma dopo poco: non lo trova intonato. Belle le prove di Pasquale e Gaetano, ballerini di hip hop che, infatti, passano questa fase, ottenendo addirittura l’approvazione della Celentano.

Continua a leggere...

Academy-prima-puntata-25-aprile 2009

Parte un RVM che mostra il percorso che ha portato i 24 ragazzi all’interno dell’accademia. Vengono presentati i tre giudici: Raffaele Paganini, Luciana Savignano e Little Phil. Raffaele (classica) ha accettato perché gli piaceva il progetto e la professionalità che ha trovato; Luciana (moderno) si è buttata nell’avventura, perché non aveva mai provato situazioni simili; Phil (hip hop) sta studiando italiano.

Gli assistenti: Raffaele presenta il primo ballerino del teatro dell’opera di Roma, Luigi Martellini, che sarà il suo assistente; Luciana ha scelto Susanna Beltrami, una coreografa che stima moltissimo; Phil ha scelto il suo cappello come assistente…

Viene presentata la preside della scuola, Barbara Alberti.

La scrittrice non ha mai fatto parte del mondo della danza. Sarà una donna ingiusta, che col tempo tenterà di essere meglio.

I ballerini di Academy si esibiranno in coppia. L’RVM ci presenta le coppie:

DANZA CLASSICA
Pui-San Tsang - Francesco Crimi
Barbara Bevilaqua - Giuseppe Curatolo
Altagracia - Vito Colapinto
Federica Zei - Giordano Orchi

HIP HOP
Morena Bonnici - Stefano Ferrari
Lorenzo Daccò- Giulia Mancini
Federica Figuccio - Leonardo Rosso
Melissa Manfredini - Raimondo Sacchetta

DANZA MODERNA
Francesca Taraco - Jody Proietti
Leslie Giaquinta - Danilo Aiello
Federica Toro - Vito Coppola
Ada Vitale - Angelo Langella

I ballerini sono stati accoppiati cercando fisici simili (Raffaele); gli ho guardati negli occhi, cercando l’affinità, la coppia si costruisce giorno per giorno (Luciana); io non ho guardato niente, ho cercato la contrapposizione (Phil).

Partono le sfide. Prima arriva la scheda su Raffaele Paganini…

Il concetto di classica per Paganini: disciplina assoluta, sulla danza non si scherza.

FEDERICA ZEI - GIORDANO ORCHI contro BARBARA BEVILACQUA - GIUSEPPE CURATOLO.
Tutte e due le coppie hanno fatto sognare (PHIL); hanno rotto bene il ghiaccio (LUCIANA); avete rotto le mie coreografie, sono deluso (RAFFAELE).

Votazione: Phil fa passare Barbara e Giuseppe. Raffaele sceglie Federica e Giordano. Luciana decide di far proseguire il talent a Barbara e Giuseppe. Barbara e Giuseppe sono ancora in gioco!

PUI-SAN TSANG - FRANCESCO CRIMI contro ALTAGRACIA SANDOVAL - VITO COLAPINTO
Votazione: Phil preferisce Altagracia e Vito. Raffaele preferisce Pui-San e Francesco. Anche in questo caso deve decidere Luciana: Pui-San e Francesco. Pui-San e Francesco sono ammessi in accademia.

Francesco dice che i ragazzi sono migliorati, ma hanno molto ancora da imparare. Secondo lui è assurdo che Altagracia e Vito siano messi in discussione. Susanna concorda con il suo collega. Sono comunque tutti e quattro dei bei danzatori. Barbara Alberti: c’è un patrimonio in questi ragazzi.

E ora delle sfide Hip Hop. Prima viene presentato Little Phil.

Che Hip Hop si vedrà ad Academy? Si vedrà la personalità e il talento dei ragazzi.L’hip hop arriva dalla strada, ma è molto educato.

MORENA BONNICI - STEFANO FERRARI contro GIULIA MANCINI - LORENZO DACCO’
Prima della votazione, Raffaele e Luciana si congratulano con loro per l’energia. Arriva il momento della scelta: Luciana sceglie Stefano e Morena; Phil sceglie Stefano a Stefano e Morena. Entrano ad unanimità Stefano e Morena!

FEDERICA FIGUCCIO - LEONARDO ROSSO contro MELISSA MANFREDINI - RAIMONDO SACCHETTA Giudizio: meno brillanti delle prime due coppie (Raffaele); mi aspettavo di più da voi, ci sono stati errori (Phil). Votazione: Phil dice Melissa e Raimondo; Raffaele dice Melissa e Raimondo; Luciana pure dice Melissa e Raimondo. Unanimità! Dentro all’accademia, Melissa e Raimondo.

Melissa ha già un fan club… La madre di Giordano è rimasta delusa da vedere il figlio escluso (momentaneamente almeno). Luciana le risponde con garbo. Tutto rientrato.

Sfide di danza moderna. Prima un RVM su Luciana Savignano, l’insegnante.

Quale è il moderno che porterai qua visto che è nata come danzatrice classica? Visto che le è piaciuto ballare con Susanna Beltrami, ha deciso di fare la scelta.

JODY PROIETTI - FRANCESCA TARACO contro ANGELO LANGELLA e ADA VITALE
Raffaele ha apprezzato entrambe le esibizioni. Scelta: Francesca e Jody (PHIL), Ada e Angelo (Luciana). Decide Raffaele Paganini, che dice: Ada e Angelo. Ada e Angelo Passano!

LESLIE GIAQUINTA - DANILO AIELLO contro FEDERICA TORO - VITO COPPOLA
Giudizio: tanti errori, ma mi hanno emozionato (Raffaele); bravi (Phil); soddisfatta e orgogliosa di voi (Luciana). La scelta: Federica - Vito (Raffaele); Danilo - Leslie (Phil); Luciana decide Federica – Vito che passano.

Nella prima fase sono passati: Barbara e Giuseppe, Pui - San e Francesco, Stefano e Morena, Melissa e Raimondo, Ada e Angelo, Federica e Vito. Gli altri sei si sfideranno nuovamente su balli non loro.



I ragazzi per stare all’interno dell’accademia devono rinunciare alle sigarette, all’Ipod e al telefonino. RVM della retata e della loro ultima telefonata.

Seconda Fase: i ballerini di danza moderna faranno danza classica, quelli di danza classica faranno hip hop e quelli di hip hop si esibiranno sulla danza moderna.

FEDERICA - GIORDANO sfidano su Hip Hop ALTAGRACIA - VITO
Raffaele: Altagracia e Vito
Luciana: Altagracia e Vito
Phil: Federica e Giordano

Passano Altagracia e Vito.

GIULIA - LORENZO sfidano sulla danza moderna FEDERICA - LEONARDO
Raffaele: Giulia e Lorenzo
Luciana: Giulia e Lorenzo
Phil: Federica e Leonardo.

Giulia e Lorenzo sono entrati, anche se il loro maestro di riferimento aveva preferito l’altra coppia.

JODY - FRANCESCA sfidano sulla danza classica LESLIE - DANILO
Luciana: Leslie e Danilo
Phil: Jody e Francesca
Raffaele: Leslie e Danilo

Leslie e Danilo entrano nell’accademia.

Alla fine della seconda fase sono passate: Giulia e Lorenzo, Leslie e Danilo, Altagracia e Vito.

Le tre coppie escluse vanno al televoto. Il pubblico da casa deve scegliere chi eliminare definitivamente.

Mentre è aperto il televoto il programma prosegue. Parte un RVM che mostra le prime difficoltà dei ragazzi (protagonista Francesco). Nel video si vede anche un Raffaele autoritario con i ragazzi, che spiega chi comanda (pugno di ferro, guanto di velluto).

Lucilla Agosti ricorda insieme a Diego, che sul sito di Academy si possono mandare i propri video e partecipare al concorso che permette di partecipare come guest star ad una delle puntate.

Parte il video di Samuele Cavallo, che si dice molto arrabbiato per non essere riuscito ad entrare nel programma (lui il talento ce l’ha). La giuria spiega che il talento c’è, ma non c’è la tecnica dietro. Si esibisce Samuele.

Questa settimana i ballerini della scuola impareranno il tango. Ad insegnarlo sarà Maria Chiara Micheli. Per imparare a ballare il tango i ballerini devono imparare ad ascoltare i propri partner e ad essere generosi.

Si chiude il televoto. Fra Francesca e Jody, Federica e Leonardo e Federica e Giordano due coppie saranno eliminate e dovranno uscire dalla porte da cui sono entrati.

La prima coppia eliminata è quella composta da Jody e Francesca. I ragazzi prima di uscire ci mettono un pò troppo e Lucilla li invita ad andare fuori. La seconda coppia eliminata è quella di Federica e Leonardo. Anche loro salutano tutti ed escono. Si salvano Federica e Giordano!

Ora, uno tra Federica Zei e Giordano Orchi, entrerà mentre l’altro sarà eliminato. Tutti i ragazzi, tranne loro due, escono dallo studio. Giordano è felice per i compagni.

I due ragazzi si esibiscono con il loro cavallo di battaglia a piedi nudi. Inizia Giordano. Applausi per lui. Ora tocca a Federica.

Si apre il televoto per decidere chi sarà l’ultimo eliminato della giornata. Lucilla intervista i parenti dei due ragazzi. Si chiude il televoto.

Prima di comunicare l’eliminato, si vedono le immagini dell’ingresso degli altri ragazzi. Si torna in studio: il vincitore andrà a raggiungere i compagni. Il perdente andrà a casa. L’avventura di Academy termina per Federica. Giordano saluta la compagna di ballo.

Federica:”Essere eliminato da Giordano è stata la fase più bella, perché non è stata una sfida, è stato uno show.”

I concorrenti sono in numero dispari: per questo, Giordano deve lanciare una sfida contro un ballerino dello stesso sesso (per poterlo battere o per far coppia con una ballerina che gli piace particolarmente). Il televoto sarà aperto adesso e durerà per tutta la settimana.

Giordano sceglie … Vito Coppola. Motivo: sarà una sfida equa.

La sfida è lanciata, la puntata è finita. A settimana prossima per la diretta! Da lunedì parte la striscia quotidiana. Ciao!
mondoreality

Continua a leggere...

venerdì 24 aprile 2009

25 Aprile - Festa della Liberazione dal nazifascismo

Continua a leggere...

mercoledì 22 aprile 2009

'X Factor' regna su iTunes, otto brani al top dei singoli

Roma, 21 apr. (Adnkronos) - A soli due giorni dalla finale di X Factor, la classifica dei singoli più scaricati su iTunes vede la presenza nelle prime otto posizioni di altrettanti brani presentati nel corso del talent show televisivo: Matteo Beccucci con 'Impossibile' e 'Somebody To Love', i The Bastard Sons of Dioniso con 'L'Amore Carnale' e 'Contessa', Jury con 'Mi fai spaccare il Mondo' , Noemi con 'Briciole', Daniele con 'No' e XFactor Finalisti con 'You've got a friend'.

Venerdì 24 aprile verranno pubblicati in contemporanea, in formato 'tradizionale' e 'digitale', i primi CD-EP (Extended Play) del vincitore di X Factor 2009 Matteo Becucci e dei due finalisti The Bastard Sons Of Dioniso e Jury. Si tratta di tre mini album introduttivi che contengono alcune delle cover più apprezzate dal pubblico di Rai2 ed i brani inediti che i cantanti hanno presentato nella puntata della semi-finale del 14 aprile e nella finalissima del 19 aprile su Rai1 .

I tre singoli inediti sono in programmazione radiofonica dal 15 aprile, e danno il titolo ai rispettivi CD-EP : 'Impossibile' di Matteo Becucci , 'L'amor carnale' di The Bastard Sons Of Dioniso e 'Mi fai spaccare il mondo' di Jury. I mini album verranno messi in vendita a prezzo speciale sia nei negozi tradizionali che in quelli digitali e conterranno una suoneria originale scaricabile sui telefoni cellulari. ''No'', il singolo inedito di Daniele Magro uscito il 14 aprile dalla gara, è in programmazione radiofonica dal 15 aprile ed è disponibile in tutti i negozi digitali. Il suo CD-EP verrà invece pubblicato entro la prima metà di maggio.

Continua a leggere...

E' polemica per il brano trash 'Una m...da sei tu'

Roma, 22 apr. - (Adnkronos) - L'album del cantante Dante Meschiari, in arte Dan, dall'eloquente titolo 'Trash... d'Autore', deve ancora uscire ma il singolo che lo anticipa, pubblicato su Facebook e su YouTube, sta provocando già polemiche e proteste. E non è difficile comprendere perché visto che s'intitola ''Una M.... sei tu!'' e l'espressione è rivolta dall'autore ad un'ipotetica fidanzata

l brano, dalle qualità musicali molto discutibili, fa parte dell'album che uscirà il 18 maggio, con 13 inediti, e che appunto fin dal titolo non fa mistero di appartenere al genere trash. Ma la canzone già pubblicata su internet nel weekend, che l'autore definisce "autobiografica" e dedicata ad una bellissima ragazza, molto piena di sé con cui sembra impossibile portare avanti un rapporto, gli è già valsa diverse proteste su Facebook da parte del mondo femminile. Molte frequentatrici del social network, infatti, hanno ritenuto offensivo il brano, che è visibile anche su YouTube.

La frase incriminata, richiamata nel titolo, suona in effetti di rara volgarità: ''Tu sei come le mosche/che volan sulle merde/e volan su di te/e vanno su di te/e volan su di te/perché una merda sei tu''. D'altronde l'autore si era già fatto conoscere nel 2007 con il brano "Ivo, se lo sapevo non venivo", più o meno dello stesso tenore, dedicata però alle bellezze in spiaggia.

Continua a leggere...

Business da 7 miliardi di euro per il falso in Italia. Si rischia la vita con i ricambi auto, il cibo e i farmaci

oma, 22 apr. (Adnkronos/Ign) - Il mercato del falso nel nostro Paese ha prodotto nel 2008 un fatturato di 7 miliardi e 107 milioni di euro. Questo significa che, se si riportasse un tale valore sul mercato legale, si avrebbero una produzione aggiuntiva, diretta e indotta, per un valore di quasi 18 miliardi di euro e un valore aggiunto complessivo di circa 6 miliardi di euro. Sono i dati presentati dal Censis nel rapporto 'Il fenomeno della contraffazione nel mondo e le ricadute sul mercato italiano: gli scenari e le strategie di contrasto'. Dal punto di vista sociale, la sconfitta della contraffazione garantirebbe 129.842 unità di lavoro aggiuntive.

Ma la contraffazione comporta anche perdite per il bilancio dello Stato in termini di mancate entrate fiscali: in base alla stima effettuata, si calcola una perdita tra imposte dirette e indirette, pari a circa 5 miliardi e 281 milioni di euro, il 2,5% del totale del gettito dello Stato per le imposte considerate. L'Italia, si evidenzia nel rapporto, "e' uno dei Paesi che ha piu' da perdere in competitivita' per lo sviluppo del mercato del falso". Perche' ha una struttura produttiva composta per la grande maggioranza da imprese piccole e medio-piccole, che hanno difficolta' ad attrezzarsi adeguatamente per contrastare il fenomeno e perche' ha una significativa quota parte di produzione e di esportazione di prodotti made in Italy e beni di lusso, che sono quelli maggiormente esposti alla concorrenza sleale dei prodotti contraffatti. Questo spiega perche' il nostro Paese, dopo un primo periodo di osservazione e di presa di coscienza del fenomeno, "rappresenti oggi una best practice riconosciuta a livello internazionale per le politiche, le normative, il sistema di contrasto attivati".

Dal danno economico agli effetti mortali. La contraffazione si aggrava enormemente in settori chiave come quello farmaceutico e quello alimentare. Nel primo caso, quello dei prodotti farmaceutici, nel nostro Paese "molto è stato fatto sia a livello normativo che nel sistema di controllo", sottolinea il Censis. Nonostante ciò, si ipotizza una quota residuale dello 0,1% del mercato rappresentato da prodotti contraffatti acquistati via Internet o in canali paralleli, per un valore di mercato, al 2008, di 19,4 milioni di euro. Anche nel settore alimentare si è avuto, negli ultimi anni, "un enorme impegno a livello normativo, di controllo e di contrasto, tendente a ridurre al minimo le falsificazioni". In questo caso va però fatta una distinzione tra il mercato interno e quello internazionale, dove "la fama dei prodotti italiani ha fatto sì che si sviluppasse enormemente il mercato imitativo dell'italian sounding e dove i prodotti falsi circolano sia negli esercizi commerciali che nei ristoranti". Nel nostro Paese, invece, il fenomeno risulta essere più circoscritto e comunque di difficile quantificazione, tanto che si è deciso, anche in questo caso, di adottare una stima prudenziale che porta comunque il valore del mercato dei falsi prodotti alimentari a circa 1.153 milioni di euro.

Continua a leggere...

Usa, ricercatore crea 14 embrioni umani 'fotocopia'. Undici sono stati impiantati in 4 donne

oma, 22 apr. (Adnkronos Salute) - Avrebbe clonato 14 embrioni umani e impiantato 11 di questi nell'utero di quattro donne. Ma nessuna gravidanza e' andata avanti, anche se la nascita del primo bebe' 'fotocopia' sarebbe appena dietro l'angolo.

L'annuncio choc arriva dagli Usa, dove Panayiotis Zavos, un controverso andrologo cipriota gia' noto alle cronache e impegnato da anni negli studi sulla clonazione umana, terapeutica e riproduttiva, ha rivelato di aver clonato, in passato, anche embrioni da tre persone morte, tra cui la piccola Cady, una bambina di 10 anni che ha perso la vita in un incidente d'auto.

Il video della clonazione, si legge sul quotidiano 'The Independent', e' stato filmato da un regista-documentarista prima dell'impianto nelle quattro donne - tre sposate e una single - provenienti da Gran Bretagna, Stati Uniti e da un Paese mediorientale. Per rompere l'ultimo tabu' etico e scientifico, Zavos si e' rivolto a un laboratorio segreto, probabilmente in Medio Oriente, dove la clonazione non e' un reato.

Nessuno degli embrioni trasferiti avrebbe dato inizio ad una gravidanza, ma secondo Zavos si tratta del "primo capitolo" verso la creazione di un essere umano clonato a partire dalle cellule della pelle di uno dei suoi genitori. "E se intensificheremo i nostri sforzi - assicura l'andrologo - riusciremo ad arrivare al primo bebe' clonato entro 1-2 anni".

Zavos ha spiegato di ricevere richieste ogni giorno, da parte di persone che desiderano superare i propri problemi di infertilita' attraverso l'utilizzo della stessa tecnica di clonazione che venne usata per la creazione della celeberrima pecora Dolly nel 1996. "Ma la clonazione riproduttiva umana - avverte - deve essere l'ultima opzione, dopo aver esaurito tutte le altre opportunita'". Zavos conclude: "Non ci interessa la clonazione dei Michael Jordan o dei Michael Jackson di questo mondo. La mia ambizione e' quella di aiutare le persone"

Continua a leggere...

Eternit: Difesa Solleva Illegittimita' Costituzionale Su Parti Civili

ASCA) - Torino, 22 apr - Il legale di Stephan Schmydheiny, il miliardario svizzero imputato assieme al barone belga Jean Louis de Cartier de Marchienne, al processo Eternit per la morte di oltre 2.000 persone a causa dell'amianto, ha sollevato l'eccezione di costituzionalita' sulle norme che regolano l'ammissione delle parti civili (736 individuali che riguardano familiari e vittime, 29 da parte di enti e associazioni). In particolare la difesa degli imputati ha chiesto l'esclusione di sindacati territoriali e di categoria perche' assorbiti nella costituzione della Cgil nazionale e della Cisl Piemonte.

Il collegio di difesa ha anche chiesto l'esclusione delle altre associazioni, tra cui Legambiente e Medicina Democratica, e di un centinaio di vittime o di loro familiari che avevano firmato una transazione in occasione del precedente processo del '93 nei confronti dei dirigenti locali. L'udienza davanti al gip che si svolge nella stessa aula del processo ThyssenKrupp e' durata circa tre ore e proseguira' domani per le repliche della Procura e dei legali di parte civile. Oggi sono giunti a Torino circa 150 persone da Casale Monferrato, la citta' dove era stato realizzato il piu' importante dei 4 stabilimenti italiani

Continua a leggere...

L'allattamento al seno protegge il cuore delle mamme

Le mamme che allattano i propri figli potrebbero diminuire il loro rischio di andare incontro a scompenso cardiaco, infarto e ictus nei decenni successivi. Ad affermarlo è una ricerca apparsa sulla rivista Obstetrics and Gynaecology. Non solo: più lungo è il periodo dell'allattamento e minore sembra essere il rischio di sviluppare queste malattie, afferma Eleanor Bimla Schwarz della University of Pittsburgh, a capo della ricerca.

Analizzando i dati ricavati da un campione di 140.000 donne in post-menopausa, il team di ricercatori della Schwarz ha concluso che le donne che allattano i propri figli per un periodo di tempo di almeno un mese vanno incontro a una minor incidenza di diabete, ipercolesterolemia e ipertensione, tutti fattori strettamente connessi ai disturbi cardiovascolari. Nel caso poi che l'allattamento sia protratto per un periodo superiore a un anno, le donne mostrano una minore incidenza di patologie come l'infarto del miocardio o l'ictus nei decenni a venire rispetto alle donne che non hanno mai allattato al seno. “Sono anni che sappiamo che l'allattamento al seno è importante per la salute del bambino, ora sappiamo che lo è anche per la salute della madre”, afferma la dottoressa Schwarz. Gli effetti benefici dell'allattamento sul cuore e il cervello della madre si aggiungono a quelli già noti in passato legati a una riduzione del rischio di tumori dell'ovaio, del seno e di osteoporosi nelle donne che allattano rispetto alle donne che ricorrono al biberon per i loro bebè. Più difficile è invece per i ricercatori identificare le reali cause della diminuzione di questi rischi, che vengono generalmente ricondotte alla complessa serie di modificazioni ormonali che caratterizza ogni donna alle prese con l'allattamento.

Fonte: Schwarz EB et al. Duration of Lactation and Risk Factors for Maternal Cardiovascular Disease. Obstetrics & Gynecology 2009; 113(5):974-82.

Continua a leggere...

Gli Stati Uniti stanno preparando il terreno a dure sanzioni verso l'Iran

Gli Stati Uniti stanno preparando il terreno a dure sanzioni verso l'Iran, se il governo di Teheran respingesse le offerte occidentali sul suo programma nucleare o se queste offerte finissero nel vuoto. Continua a leggere questa notizia
Articoli correlati


"Stiamo preparando il terreno per un tipo di sanzioni molto dure, voi direste paralizzanti, che si renderebbero necessarie qualora le nostre offerte fossero respinte o il processo si rivelasse inconcludente o fallisse", ha detto Clinton ai parlamentari, riguardo agli sforzi Usa di convincere l'Iran a fermare il suo programma nucleare.

Parlando della situazione in Medio Oriente, Clinton ha detto che gli Stati Uniti non faranno accordi o finanzieranno un governo palestinese che comprenda Hamas, finché quest'ultima non osserverà le tre condizioni poste dalla comunità internazionale.
notizie.yahoo

Continua a leggere...

lunedì 20 aprile 2009

LA FATTORIA FINALE 19/04/2009

Questa sera alle 21.30 su Canale 5 va in onda la puntata finale della quarta edizione de La Fattoria. Per scoprire chi vincerà tra Guillaume Goufan, Milo Coretti, Marco Baldini, Ciro Petrone e Morena Zapparoli vi invito a seguire il nostro liveblogging in diretta qualche minuto prima dell’inizio della puntata.

Nel corso del programma, ci sarà spazio tra l’altro, per un’intervista all’inviata del reality Mara Venier, per i racconti delle eliminate di settimana scorsa Barbara Guerra e Lory Del Santo e per la decisione di Rocco Pietrantonio (continuerà o chiuderà la storia con Lory?). Vi ricordo che è ancora attivo il nostro sondaggio che riguarda il concorrente preferito del reality (subito dopo il salto).

E’ iniziata l’ultima puntata de La Fattoria.

Uno dei due contadini al televoto verrà immediatamente eliminato. In studio arrivano i due candidati all’eliminazione che sono Ciro e Morena. Vengono mandati in onda i momenti più importanti della penultima puntata e la candidatura di Lory al televoto che determina la sua eliminazione.

Tonon trova Ciro come concorrente non è stato all’altezza della situazione in quanto allergico al rispetto delle regole e non ben predisposto alle critiche che gli vengono fatte. Fabrizio Corona sostiene che Ciro abbia dato un pò di colore al programma e che possa vincere il programma.

Anna Pettinelli recrimina a Morena il fatto di non aver tirato fuori quando avrebbe dovuto, la sua personalità, ma Sonia Bruganelli non è della stessa opinione, sostenendo che la donna è entrata nel reality in punta di piedi e si è imposta come personalità forte con il trascorrere dei giorni.

In studio arriva Mara Venier, l’inviata per eccellenza del programma. Per l”inviata è stata un’esperienza durissima, ma al tempo stesso fantastica a livello umano (evviva la sincerità). Vengono mandati in onda i momenti più piacevoli di Mara all’interno della fattoria, che provoca in lei una forte commozione. Mara si è dispiaciuta per le sue parole scritte sui giornali (in cui sosteneva di essersi pentita di aver partecipato al programma) che sono state fraintese.

Momento dell’eliminazione: l’undicesimo concorrente eliminato dalla fattoria è Ciro (inaspettata la sua uscita a detta dei più). I tre finalisti prima di entrare dentro lo studio, devono sostenere un’ultima prova, a cui fa compagnia per un pò Mara Venier, che poi rientra in studio. Ad essi si aggiunge il quarto finalista. Tutti si augurano che questo sia Ciro, ma (come ben sappiamo) concorre alla vittoria Morena.

In studio arriva Lory Del Santo. Viene trasmesso un RVM con i momenti più importanti trascorsi da Lory all’interno della fattoria. Rocco le siede accanto per dirle alcune cose importanti. Il ragazzo sostiene di averla difesa per come i contadini si sono comportati nei suoi confronti. Rocco crede che Lory gli abbia mancato di rispetto per aver riempito di complimenti gli altri ragazzi all’interno della fattoria.

I due si accusano reciprocamente di essere stati l’uno distante dall’altra, e Lory aggiunge che Rocco era troppo preso dal suo apparire e dal suo essere protagonista. Interviene Roberto Alessi in difesa di Lory, raccontando che Rocco e Carla Velli sono stati fotografati a cena insieme alle undici di sera e portando il materiale in studio.

Carla non vede nulla di male in questa cosa, anche perchè tra loro è nato un rapporto di amicizia, ma Roberto continua ad insinuare che tra loro ci sia stato qualcosa, perchè i due sono stati fotografati mentre entravano insieme in un albergo. Pare che Rocco non possa proprio lamentarsi dell’atteggiamento di Lory (è proprio vero quel proverbio che dice “quando il gatto non c’è, i topi ballano“).

Paola parla di una seconda eliminazione cha avverrà tra alcuni minuti. La conduttrice spiega che in realtà non è una vera e propria eliminazione. Il concorrente eliminato (all’insaputa dei finalisti) potrà essere salvato dal pubblico e vendicarsi per l’eliminazione subita, eliminando a sua volta uno dei tre concorrenti rimasti. I quattro finalisti devono fare il nome di un concorrente che vogliono eliminare. Morena,Milo e Marco fanno il nome di Guillaume per varie motivazioni.

Guillaume ha la possibilità di capire il motivo per cui Milo, Marco e Morena l’abbiano votato. Guillaume pensa che la motivazione che ha dato Milo (il fatto che sia egoista nei confronti degli altri concorrenti, sia mangiando il triplo rispetto a loro, sia sprecando tutta l’acqua calda a disposizione per lavarsi) sia una giustificazione non veritiera. Inoltre, il modello viene a conoscenza del fatto che potrà essere salvato attraverso il televoto dal pubblico.

In studio arriva anche Barbara Guerra, a cui vengono fatti vedere i momenti trascorsi all’interno della fattoria. La ragazza pensava di andare a fare una vacanza partecipando al relity, ma cosi non è stato. Anche i tre finalisti vengono informati della possibilità di rientrare attraverso il televoto. Vengono fatte delle insinuazioni su Barbara che pare abbia avuto alcuni flirt, a partire da quello con Rocco, per continuare con Guillaume (con il quale c’è stato un bacio) e Milo. Barbara sostiene che con Milo c’è solo un’amicizia, ma Roberto Alessi sostiene che tra Barbara e Milo c’è stato qualcosa di più dell’amicizia.
Guillaume non è stato salvato dal pubblico, che ha deciso di eliminarlo. I tre finalisti sono Milo, Morena e Marco. Nasce una polemica per la frase pronunciata da Mara e non gradita da Milo, secondo cui Fabrizio Corona e Marina Ripa di Meana erano dei personaggi che avrebbero dato maggiore vivacità al programma. Quella di Mara non voleva essere un’offesa nei confronti dei tre finalisti e ci tiene a sottolinearlo.

In studio entra Guillaume, che si è divertito tanto per aver partecipato al programma. Si passa all’argomento riguardante Fabrizio Corona. Tonon non riesce a capire come mai nessuno abbia rivolto delle critiche a Fabrizio direttamente, ma soltanto attraverso i confessionari. Nasce una discussione tra Fabrizio e Marina, accusata dal primo di averlo preso di mira per essere coerente con quello che era il suo personaggio, soprattutto perchè i primi giorni parlava bene di lui, ma Marina non è della stessa opinione.

Milo coglie l’occasione per accusare Fabrizio, il quale faceva ciò che era in suo potere per farlo uscire dal programma (l’ex gieffino parla di una partita di calcio in cui Fabrizio avrebbe detto ad uno dei contadini di fargli del male per farlo bestemmiare e farlo eliminare dal programma). Fabrizio sostiene di non aver detto nulla di tutto ciò. Milo sostiene anche che Fabrizio ha detto una cosa su di lui gravissima che non vuole riferire. La conversazione sembra degenerare, ma Paola è brava a stemperare gli animi che si stanno surriscaldando un pò troppo. Anche Daniela serba del rancore per Fabrizio, che dopo la sua eliminazione, le aveva consigliato di perdere il mondo dello spettacolo e lo esorta ad andarla a vedere in uno dei locali in cui la ragazza canta per poterla giudicare.

E’ arrivato il momento della prova. Al gioco partecipano in coppia Morena e Rocco, Milo e Linda, Marco e Barbara. La coppia che vincerà, farà si che uno dei finalisti arrivi direttamente alla finalissima. La coppia vincitrice è quella di Marco e Linda. Sarà dunque Marco ad andare in finale, mentre al televoto andranno Milo e Morena.

Molti, quasi all’unanimità, vorrebbero che vincesse Morena. E’ arrivato anche il momento del chiarimento tra Marianne e Ciro. La ragazza sostiene che l’unica persona che ha toccato i suo corpo è stato il suo fidanzato Marco e che quello con Ciro è stato un finto rapporto d’amore, per fare ingelosire il suo fidanzato (dal momento in cui i due si erano lasciati) e anche se tra lei e Ciro c’è stato qualcosa, quest’ultimo avrebbe dovuto essere gentiluomo a non dirlo.

Ciro replica chiedendo alle donne del programma che cosa aveva detto Marianne su di loro. Barbara sostiene che Marianne le ha riferito di aver fatto l’amore con lui. Quest’ultima nega spudoratamente, ma viene smentita dalla foto del suo fidanzato che ha portato, perchè dietro c’è una sua dedica: come fratelli, il tuo amico Marco. I due, dunque, sembrano essere solo buoni amici. Tonon ha notato (per quello che ha potuto vedere in fattoria) che Marianne era realmente interessata a Ciro.

Momento della seconda eliminazione: ad essere eliminato, attraverso il televoto, è Milo. Morena e Marco sono i due finalisti. Marina aveva molta simpatia per Marco, ma è rimasta delusa dal fatto che lui non abbia preso posizione e non sia intervenuto in sua difesa nell”alterco tra lei e Fabrizio. Marco sostiene di non averlo fatto proprio perchè non pensava che Marina avesse ragione.

In studio arriva Milo, a cui è fatto vedere un filmato sulla sua partecipazione a La Fattoria. Milo è contento dell’amicizia che si è venuta a creare tra lui e Ciro. Chiede a Barbara se i due si sono baciati e dopo la risposta negativa di quest’ultima, è convinto del fatto che Barbara sia poco sincera. Inoltre, sostiene che sull’aereo di ritorno da Paraty, Lory ha baciato una persona (di cui non vuole dire il nome). Lory sostiene di aver salutato un amico che conosce da quando aveva diciott’anni e di averlo salutato fraternamente. Milo e tutti gli altri concorrenti che erano in aereo con lui, sono convinti del fatto che non sia stato un bacio cosi fraterno. Inoltre, sostiene che la donna non si sia degnata neanche di salutarli. Lory è stanca di queste cattiverie e replica che quanto detto da Milo non è assolutamente vero.

Giovanna prende le difese di Lory, dicendo che se fosse stata al posto di Milo si sarebbe fatta gli affari suoi, che certamente la vita privata è un’altra cosa e che se Milo fosse stato un vero amico, gliel’avrebbe detto al di fuori del programma. Anche Fabrizio concorda con il pensiero di Giovanna.

In studio arrivano i due finalisti de La Fattoria 4: Morena Zapparoli e Marco Baldini. Vengono mandati in onda i momenti più belli dei due concorrenti all’interno della fattoria. Roberto Alessi recrimina a Morena il fatto di aver ripreso Fabrizio durante la lite con Marina per i termini pesanti usati nei suoi confronti, ma di non aver fatto lo stesso con quest’ultima per la medesima cosa.

Barbara, Milo e Lory vorrebbero che vincesse Marco.
Vince Marco Baldini

Continua a leggere...

X-FACTOR LA FINALE 19/04/2009

Questa sera su Raiuno alle 21.30 va in onda la finale della seconda edizione di X Factor. Chi vincerà tra Matteo Becucci, Jury Magliolo e The Bastard sons of Dioniso? Scopritelo seguendo il nostro liveblogging, che comincerà qualche minuto prima della diretta.

In attesa, oltre ad invitarvi a continuare a votare il nostro sondaggio (subito dopo il salto), vi ricordo gli ospiti presenti in puntata: Riccardo Cocciante (duetterà con Matteo), Gianluca Grignani (duetterà con Jury), Elio e le storie tese (duetteranno con i Bastard), Renato Zero, Aram Quartet. In collegamento da Brescia Luisa Corna, da Pergine Claudia Andreatti e da Livorno Miriam Leone, mentre dalla fabbrica di dischi Federico Russo e Chiara Tortorella.

Inizia il gran finale della seconda edizione di X Factor! Fanno il suo ingresso trionfale i tre finalisti accompagnati dai rispettivi giudici.

Con malinconia, Francesco manda in onda una clip che racchuide la storia del programma. Il vincitore di stasera si aggiudicherà un contratto discografico da 300.000 euro.

Stasera sarà il pubblico a decretare il vincitore! Quindi, televotate il vostro beniamino!

In collegamento da Livorno, città di Matteo, c’è Miriam Leone. In Valsugana, zona dei Bastard, c’è Claudia Andreatti. Da Brescia, città di Juri, è in collegamento con lo studio Luisa Corna.

Matteo Becucci canta Margherita assieme a Riccardo Cocciante. La parte finale della canzone viene cantata a cappella dai due cantanti. Mara trova i cantanti bravissimi. Mogan ritiene che Becucci abbia iniziato con un tipo di vocalità, ma che, adesso, abbia raggiunto un livello vocale eccellente. Riccardo trova che, senza l’anima, la voce ha poco valore ; è solo uno strumento…

Simona annuncia Juri, che eseguirà La nostra storia tra le dita assieme a Gianluca Grignani. Mara crede che il duetto potrebbe avere un futuro. Morgan ha apprezzato le armonizzazioni. Simona si è molto divertita e chiede a Grignani se riveda un pò Juri in sè. Il cantante ritiene che l’inedito di Magliolo sia l’unico serio (eccessivo forse!).

The Bastard sons of Dioniso eseguono Uomini col borsello (capite per caso cosa stanno dicendo?). Il gruppo duetta con Elio e le storie tese. Divertente ed irriverente il duetto. Morgan trova il brano un capolavoro della letteratura mondiale. Simona chiede se il brano fosse degli anni ‘70. Mara afferma di essersi molto divertita e non riesce, infatti, a smettere di ridere! Secondo Elio, i vincitori saranno proprio i Bastard ed il televoto è quasi inutile!

Nicola Savino è in collegamento dalla sala stampa. Paolo Giordano trova che il migliore sia stato Juri. Luca Gondoni è d’accordo. Conti polemizza sulla pronuncia non perfetta di Magliolo.

Renato Zero canta Ancora quì. Finalmente questo grande artista torna sul piccolo schermo! Renato non sa cosa l’X Factor sia e ritiene simpaticamente di essere ancora in cerca del suo… Il cantante si siede in giuria!

bastard-sons-of-dionisoSecondo giro di cover. Il gruppo trentino esegue un pezzo dei Beatles. Simona reputa i Bastard molto bravi; Mara si complimenta col gruppo. Renato trova che ci voglia molto coraggio a riproporre in modo educato un brano dei Beatles.

Simona presenta Juri, che si cimenterà con A chi, di Fausto Leali. Magliolo da una personale interpetazione, obiettivamente molto bella. Morgan ritiene che il lato dell’artista di cantante confidenziale sia stato ancora inedito sino ad ora. Zero trova che il cantante bresciano riesca a trasmettere emozioni.

Morgan presenta Matteo, che eseguirà la splendida Somebody to love. Che voce! Simona si complimenta col cantante livornese. Morgan trova che il livornese abbia saputo mantenere un rigore nel rispetto del brano. Zero da il benvenuto a Becucci tra gli interpeti!matteo

Facchinetti manda in onda un rvm con i video più esilaranti dei talenti incompresi.

Giro di inediti. Simona presenta Mi fai spaccare il mondo, di Juri. Morgan ritiene che le parole siano incastonate con la melodia. Renato trova il brano elegante ed originale! Il fratello di Magliolo(da Brescia) afferma che il sito del cantante stia scoppiando dalle visite!

Mara presenta i The Bastard sons of Dioniso ne L’amor carnale. Bella la scenografia, trascinanti i Bastard, come sempre… Morgan trova il brano orecchiabile ed ammette che il brano gli sia in testa ormai da giorni! Simona ritiene che il gruppo abbia mantenuto sin dall’inizio una sua identità ed il brano la rispecchia. Zero trova che questa soluzione molto ritmica sia inusitata nel Belpaese; il cantante trova che il gruppo possa risvegliare la musica italiana!
Morgan presenta Matteo che canta Impossibile. Emozionante e calda... Simona vedrebbe il brano sul palco di Sanremo. Morgan trova che, in un’epoca di confusione, un senso di classicità e di eleganza come quella che trasmette Matteo sia una cosa molto preziosa. Zero ritiene che la sua dimensione non sia ovvia e che il cantante potrebbe affrontare un pentagramma più vasto di quel che si può pensare. La mamma di Becucci (da Livorno) saluta il figlio.

Francesco ringrazia i giudici per il loro lavoro!

Tra poco sapremo chi sarà l’eliminato e colui che, quindi, perderà la possibilità di vincere un contratto discografico.

Facchinetti afferma che l’ultimo disco di Zero è triplo disco di platino.

jury4Primo verdetto. Non giunge alla finalissima Juri! Matteo ed i The Bastard si contendono la vittoria. Facchinetti manda in onda la sua storia. In sala stampa l’eliminazione era prevista.

Gli Aram Quartet salgono sul palco per eseguire Il pericolo è il mio mestiere. Morgan saluta il suo gruppo e lancia una frecciatina a Simona, affermando che anche il suo ex gruppo è alto in classifica… (e che, quindi, non è stata solo Giusy a far successo!)

I finalisti canteranno il proprio cavallo di battaglia e trenta secondi di un brano a cappella!

I The Bastard sons of Dioniso cantano Contessa! Strepitosi in questo brano, oggettivamente… Matteo esegue Ancora, ancora, ancora. In effetti, vorremmo sentirlo ancora, ancora e ancora…

Morgan trova giusta la finale perchè i due cantanti sono i soli che non sono mai andati al ballottaggio.

Facchinetti si collega con la Stamperia dei cd, dove si trovano Chiara Tortorella e Federico Russo. Vediamo i class masters dei singoli dei due finalisti.

Trenta secondi a cappella: i trentini canteranno La suite, Matteo I’ll fly for you. Chi vincerà? La bella voce emozionante o il rock trascinante dei Bastard? Mara ritiene che trovare un gruppo così nuovo e particolare sia stato un miracolo! Morgan afferma che Becucci abbia un grande talento e che non possa più fare l’impiegato! Facchinetti manda in onda le storie dei The Bastard e di Matteo.

Facchinetti si collega con la Sala stampa. I giornalisti sono divisi sul pronostico del vincitore.

Il vincitore della seconda edizione di X Factor è Matteo (incredibilmente!).
.mondoreality

Continua a leggere...

giovedì 16 aprile 2009

Libertà di opinione

Prima o poi... non ci sarà più permesso di esprimere le nostre opinioni.
E sarà troppo tardi, quando ce ne accorgeremo.

Di seguito, potete vedere le vignette di Vauro che hanno dato fastidio a qualcuno...































Continua a leggere...

CONTRATTI: CONFINDUSTRIA, CISL E UIL FIRMANO LA RIFORMA, LA CGIL DICE NO

ROMA - Nuovi contratti al via. Con l'intesa applicativa siglata da Confindustria, Cisl, Uil e Ugl la riforma del modello contrattuale diventa operativa, archiviando definitivamente gli accordi del '93. La riforma parte pero' con lo strappo - annunciato - della Cgil, che ha ribadito con decisione il suo 'no' al nuovo sistema. Il sindacato di Guglielmo Epifani ha confermato le sue ragioni in una lettera consegnata alla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia. "L'accordo è un errore, divide i lavoratori e i sindacati in un momento di crisi in cui si dovrebbe rimanere uniti - ha sottolineato il segretario generale - il sistema riduce lo spazio della contrattazione e fa sì che il contratto nazionale non recuperi mai del tutto l'inflazione reale" in più, ha proseguito Epifani, secondo il quale "manca una verifica democratica", perché l'accordo non é stato validato da tutte le organizzazioni e dal voto dei lavoratori.

Di parere opposto invece i leader di Cisl e Uil, convinti che l'intesa avrà successo e funzionerà anche senza la condivisione della Cgil. "Si può andare avanti anche senza la Cgil, non possiamo aspettarli, sarebbe un grave danno per i lavoratori e i sindacati", ha sottolineato il segretario generale della Uil, Luigi Angeletti, che, assieme a Raffaele Bonanni, ha ricordato che quasi un anno fa è stato siglato, senza la firma dell'organizzazione di Epifani, il rinnovo del contratto del commercio. "Quello è un accordo che funziona - ha evidenziato Bonanni - mi pare che nessuno abbia rifiutato i soldi e la nuova legislazione, neanche quelli della Cgil". Soddisfatta anche la numero uno dell'Ugl Renata Polverini, secondo la quale l'accordo permetterà di recuperare il divario tra i salari italiani e quelli europei. Un appello all'unità arriva dalla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, secondo la quale in questo momento di crisi "devono prevalere logiche che ci uniscono".

A Confindustria "dispiace il no della Cgil" anche perché, ha spiegato la presidente, "abbiamo fino all'ultimo cercato di fare il possibile per avere la Cgil al tavolo. Magari potrebbe ripensarci, speriamo sia così". Marcegaglia condivide comunque il giudizio positivo degli altri sindacati, perché l'accordo "va nella direzione degli altri Paesi europei", lega il salario alla produttività e mette un punto fermo su alcune regole affinché i contratti non siano "un momento di conflitto e far west". Le sigle che hanno firmato e Confindustria sono particolarmente soddisfatte della sostituzione dell'indice d'inflazione programmata, come base per calcolare gli aumenti salariali, con l'inflazione previsionale di 3 anni, depurata dalla componente energetica. Se per la Cgil, infatti, i salari saranno ridotti, per tutti gli altri sindacati risulteranno invece più pesanti. Il calcolo dell'inflazione sarà con ogni probabilità affidato all'Isae, considerato Istituto terzo rispetto al governo. Non così però per la Cgil, che ne ricorda invece la dipendenza dal Tesoro.

Continua a leggere...

mercoledì 15 aprile 2009

X-FACTOR SEMIFINALE PUNTATA 14/04/2009

Inizia la scoppiettante semifinale di X Factor. Stasera i cantanti proporranno i loro inediti. I giudici parleranno per l’ultima volta.

Il primo ospite di questa sera è la ex concorrente Noemi. La cantante eseguirà il suo inedito, Briciole. Il brano è attualmente il più scaricato su i-tunes. Morgan trova l’inedito molto bello e trova che la cantante sia alla fine stata quasi avvantaggiata dall’uscire prima di tutti gli altri sul mercato.

La finale di X Factor si svolgerà il 19 aprile. Facchinetti pubblicizza il nuovo talent di Rai Due, Academy, e la sigla viene cantata dai semifinalisti, di fronte alla conduttrice Lucilla Agosti.

Inizia la gara. La manche di stasera sarà unica: due cover da cantare e l’inedito. Alla fine della manche, il pubblico manderà due cantanti al televoto e, per l’ultima volta, i giudici sceglieranno chi eliminare. Morgan non sa chi potrebbe far tremare Matteo. Mara sostiene che, se un cantante molto amato, questa sera, non dovesse avere un inedito forte, potrebbe rischiare il ballottaggio!

Juri è il primo ad esibirsi, con Qualcosa di grande. Simona spera che il cantante si esibisca meglio che nelle prove. Mara lo ha trovato stanco; non ha comunicato la canzone come in altre occasioni. Morgan crede che solo l’arrangiamento sia stato modernizzato, non il canto; la pronuncia non era perfetta, a causa anche del suo accento. Simona concorda con Mara, ma ritiene che il cantante l’abbia comunque fatta meglio che in prova. Domande del pubblico. Jenny apprezza il fondoschiena del cantante (non è una domanda!).

Tocca ai The Bastard sons of Dioniso esibirsi. Il gruppo canta All shook up. Morgan ha gradito l’atteggiamento vocale del gruppo, affine al modello graffiato di Elvis. Simona ritiene che i cantanti siano nati per stare sul palco. Mara è entusiasta e spera che il gruppo possa sfondare con la sua musica… Domande del pubblico. Aldo si chiede se i ragazzi dopo il successo se ne andranno dalla Valsugana. Il gruppo nega. Sarà vero?

Morgan presenta Matteo che canta Caruso. Simona ritiene la canzone troppo tradizionale.

Daniele canta Killing me softly. Simona trova che si sia messo al servizio della musica per imparare. Morgan ritiene la canzone un pò gigiona.

I cantanti di X Factor ripropongono il brano scaricabile su i-tunes, You’ve got a friend e dai cui proventi si potrà fare qualcosa di concreto per l’Abruzzo.

Luca Tommasini raggiunge i giudici di X Factor.

Secondo giro di canzoni. Matteo esegue Stairway to heaven. Simona trova l’ambientazione lugubre. Mara ritiene che, con queste canzoni, Becucci sia molto comunicativo. Morgan lo trova ritornato ad un’ingenuità iniziale. Tommasini trova molto teatrale l’ambientazione: il testo parla di una donna morta per la droga; lo scenario è educativo. Luca all’inizio non apprezzava Matteo; adesso, invece grazie al percorso del cantante è molto soddisfatto.

Daniele esegue Estate. Mara lo ritiene più adatto ad altri generi. Morgan ritiene che il suo falsetto fosse debole. Simona trova che la tecnica di Magro sia ineccepibile. Tommasini crede che Magro abbia una voce pazzesca e il lavoro fatto su di lui sia stato quello di togliere e non mettere.
I The Bastard sons of Dioniso eseguono Tutta mia la città. Morgan non comprende se non gli è arrivata la canzone o se è lui che non è arrivato. Simona è rimasta, anch’ella, un pò perplessa. Castoldi spiega che sia sarebbe aspettato una versione più bastarda. Tommasini ritiene che proprio il gruppo, che odiava la televisione, ha saputo usare il mezzo televisivo meglio di ogni altro.

Magliolo esegue It’s a heartache. Morganha trovato il brano adatto a lui. Simona ha finalmente rivisto lo Juri degli esordi.

Luca ringrazia lo staff: luci, trucco e tutti i tecnici!

Gianna Nannini ha incontrato i ragazzi al loft e li ha trovati tutti molto veri. Gianna irrompe sul palco ed esegue il suo nuovo singolo. I ragazzi di X Factor le dedicano un medley.

Il grande cantautore Mogol raggiunge il palco e si siede tra i giudici per commentare gli inediti dei cantanti.

Daniele esegue il suo inedito, No. Secondo Morgan, il pezzo è troppo commerciale. Mogol trova che il messaggio, di un aspro no da accettare sia adeguato.

Matteo canterà Impossibile. Mara trova il pezzo interessante e ritiene che il cantante abbia cantato molto bene. Morgan trova che il sunto della canzone sia la fraseImpossibile senza te e con te. Mogol trova che questa verità non sia mai stata detta.

Simona presenta Juri che canta Mi fai spaccare il mondo. Mara ha trovato di buono nella canzone. Morgan è interessante la scorrettezza nel brano. Simona ritiene che la canzone le sia entrata nell’anima. Mogol corregge il brano.

I Bastard sons of Dioniso ci fanno ascoltare L’amor carnale.

La gara è finita. Prima di chiudere il televoto, Facchinetti invita Mogol sul palco per congedarlo. Il televoto è chiuso. Tra poco sapremo chi passerà alla finale e chi, invece, andrà al ballottaggio.

In finale vanno i The Bastard sons of Dioniso e Matteo. In ballottaggio vanno Juri e Daniele. Simona trova che anche gli eliminati possono avere successo e spera che il ragazzo che uscirà possa trovare lo stesso la notorietà.

Ultimo scontro: Daniele canta Stai fermo lì, mentre Juri esegue Chariots. Secondo brano: Magro esegue Tutto quello che un uomo. Juri canta Sunny.

I giudici decreteranno l’ultimo finalista. Mara, basandosi su questa sera, elimina Daniele. Morgan preferisce Daniele come vocalità, ma ha gradito maggiormente l’inedito di Juri; alla fine, il giudice elimina Juri. La patata bollente passa a Simona, che sceglie di eliminare Daniele. Daniele è fuori dal talent (una grande perdita!).

Continua a leggere...

martedì 14 aprile 2009

GRANDE FRATELLO PUNTATA SEMIFINALE 13/04/2009

“ 92 giorni di passioni , amicizie, tradimenti e tante tante cose ! Benvenuti alla semifinale del grande fratello” . Frizzante più che mai esordisce così la Marcuzzi. Questa sera ci saranno tre eliminazioni e verranno decretati i quattro finalisti, in più, ci sarà una toccante sorpresa per Ferdi che non vede la sorella da dieci anni. Ecco quindi svelato il primo finalista d‘ufficio.
Alessia si collega con i ragazzi. Chiede a Siria come sta vivendo la sua seconda nomination, poi, ovviamente, non fa mancare i riferimenti espliciti alla copulazione perpetua che hanno intrattenuto Ferdi e Francesca durante la settimana per non farsi eliminare al televoto.

La Marcuzzi, viste le lamentele settimanali, chiede ai ragazzi se ci sono dei problemi di convivenza con Marcello e quali sono le motivazioni per le quali il povero fornaio viene messo continuamente da parte. Vengono mostrate alcune immagini, il leit motiv espresso dai concorrenti vuole un Marcello vittimista all’estremo e noiosamente permaloso.
Marcello dice di essere stato sempre se stesso e di non doversi discolpare. Alberto pensa di aver capito quali sono i pregi e i difetti del panettiere e di averli accettati.Ferdi dice di essere stato colpito fin da subito dalla semplicità di Marcello pero’ riconosce effettivamente in lui un vittimismo latente ma involontario. Francesca mette le mani avanti e la butta sulla incompatibilità caratteriale. L’unica che si spreca in cattiverie veritiere è Silvia ma viene interrotta da Signorini che le da della Machiavellica stratega.
Stop al televoto.
Il pubblico ha deciso che il primo concorrente salvo è Ferdi . Ma và ?
Cavalcando l’onda emotiva si passa subito, subito a fare la sopraccitata sorpresina strappalacrime (di chi ?) al rom.
La Marcuzzi ci attacca la filippica sulla difficile storia di vita che ha dovuto affrontare Ferdi, sul fatto che è stato strappato dalla sorella quando erano piccoli e via dicendo, giù di li. Ci siamo, arriva il momento di mostrare il viedeomessaggio. Corredato dal sottofondo musicale di violini di rito, la giovane Berisa attacca:
“Ciao Ferdi spero che tu mi riconosca ancora ,ormai son diventata grande, non sai quanto mi piacerebbe stare con te , come da piccoli… ti ricordi Ferdi ? Ci hanno separato quando eravamo piccoli, poi nostro padre ti ha portato via e io sono rimasta con nostra zia. Non so che dire. Ti vedo tutti i giorni al grande fratello su internet. Io ho finito la scuola e ora vivo con il mio compagno, ho finito gli studi e mi sono fatta una vita. Non vedo l’ora di rivederti. Ti amo fratello mio”.
Alla fine di ciò, lui urla , si dimena, emette versi alla “Esorcista” maniera … ogni piccola contorsione di spasmodico sentimentalismo potrebbe significare un voto di più verso la vittoria.
Francesca lo abbraccia e si fa completamente uscire una tetta dal corpetto. Signorini chiude il momento creato ad hoc con la frase che tutti noi aspettavamo : “Ferdi merita di arrivare in finale solo per la sua storia”.
Secondo verdetto : il pubblico ha deciso che può continuare la sua avventura nella casa del grande fratello Francesca .

Gianluca vorrebbe che uscisse SIRIA
Cristina vorrebbe che uscisse MARCELLO
Alberto vorrebbe che uscisse MARCELLO
Ferdi vorrebbe che uscisse SIRIA
Francesca vorrebbe che uscisse SIRIA

Arriviamo al momento del verdetto finale :

Il pubblico ha deciso che il concorrente che deve abbandonare immediatamente la casa del grande fratello perdendo la possibilità di vincere il premio finale di trecentomila euro è Siria .

La lesbo-mangiafuoco esce e tanti saluti.

Alessia si ricollega con la casa e annuncia loro che ci sarà una ulteriore eliminazione. Prima però chiede ad Alberto di andare a prendere la consueta urna con schede e penne in magazzino e di portarle in salone.
Gianluca deve andare in confessionale, Alberto nella stanza da letto scusa, Francesca nella stanza da letto chiara, Ferdi in sala relax,Marcello in cucina e Cristina può rimanere in salotto… sulla scheda dovranno esprimere il nome della persona che vogliono mandare in finale. Potranno scegliere tra tutti i concorrenti , compresi se stessi.
Se ci sarà qualcuno che avrà ricevuto una maggioranza andrà dritto in finale, altrimenti si aprirà un televoto tra tutti i concorrenti dove verrà decretato un eliminato.

I ragazzi votano, poi le schede vengono inviate in studio dalla Marcuzzi che passa prontamente a leggerle (non prima di averci propinato il solito filmato promozionale con quella sorta di sterco liofilizzato che si scioglie nella bottiglia d’acqua quando si gira il tappo).
Alberto vuole in finale GIANLUCA
Francesca vuole in finale FERDI
Cristina vuole in finale GIANLUCA
Ferdi vuole in finale FRANCESCA
Marcello vuole in finale GIANLUCA
Gianluca vuole in finale GIANLUCA

Gianluca è in finale … il pubblico fischia in maniera clamorosa. Lui cerca di giustificarsi , ma non serve a nulla …. In casa se lo mangiano, in studio gli danno del buffone. Sarà il quarto classificato con l’ 1% dei voti.

La Marcuzzi apre quindi un nuovo televoto tra Alberto, Francesca, Cristina, Ferdi e Marcello … uno di loro lascerà la casa tra poco . Gianluca in sottofondo continua ad implorare pietà e a piagnucolare “Alberto ti voglio bene”.

Alberto riceve la visita della madre da dietro le sbarre della catapecchia. Anche qui lacrimaglie e complimenti a non finire per farlo arrivare in finale.

Entra in studio Siria. L’ha fatta fuori il 63% . Manco il tempo di acclimatarsi e via a litigare con il cieco. Inutile riportare il teatrino cari internauti … è il solito. Lui la accusa di non averlo salvato, lei risponde che pensava che lui fosse imbattibile… e bla, bla, bla.
Signorini chiede poi alla mangiafuoco del suo rapporto con l’omosessualità… loda la ragazza per il coraggio avuto ad affrontare l’outing … ma le fa notare che avrebbe potuto fare di più per la causa delle lesbiche italiane.
La Marcuzzi blocca subito l’argomento e fa sfociare l’intera discussione in un politically-etero bacio con Gerry.

Arriva il momento di una nuova missione per Marcello e Gianluca versione agenti segreti … il livello di pateticità sta ormai degenerando.
Stavolta devono “salvare” una misteriosa fanciulla legata nel tugurio. Probabilmente sarà la solita ex-gieffina … puntiamo tutto su Lalla Sempio o Jhonatan Kashanian…vediamo… no è semplicemente Vittorio travestito. Sempre meglio della Sempio dai.

Dopo questo momento di delirio, la Marcuzzi usa la dolcissima metafora “il fortino di Francesca durante la settimana ha mostrato segni di cedimento” per notiziarci che la napoletana la ha finalmente data al ragazzo rom. Poco dopo rincara la dose, “anche questa notte i piccioncini hanno fatto qualcosa … piu’ di un bacio eh”.

Stop al televoto.

Arriva il verdetto ….

Francesca è salva
Cristina è salva
Marcello è salvo

Il pubblico ha deciso che ad abbandonare la casa del grande fratello è (permettetemi l’attimo di goduria personale) Alberto !! Ciao cuore torna dall’amichetta tua.

Prima di uscire però, i due amichetti per la pelle carini,carini,dolci,dolci ci offrono un delizioso siparietto da prime donne inacidite sull’esito della nomination per decretare il primo finalista. FUORI !

Lo show pero’ non accenna a fermarsi, non appena l’ormeggiatore esce, Gianluca si reca in giardino e prende a calci il tavolo. Una diva.

Foriera di notizie di morte, Alessia si ricollega in casa e annuncia loro che ci sarà una ulteriore eliminazione.
I ragazzi dovranno fare le nomination. Due nomi e due motivazioni … andranno al televoto i tre più votati e il pubblico deciderà chi eliminare. Voteranno tutti ma Gianluca non potrà essere votato.

Cristina nomina MARCELLO e FERDI
Francesca nomina CRISTINA e MARCELLO
Marcello nomina FRANCESCA e CRISTINA
Ferdi nomina MARCELLO e CRISTINA
Gianluca nomina (collegato in diretta con il salone) FRANCESCA e FERDI , accusando la ragazza di tenere un atteggiamento finto con il ragazzo rom e di aver ceduto alla passione carnale con lui solo un giorno prima della semifinale.

Cristina 3
Marcello 3
Ferdi 2
Francesca 2

Tutti e quattro al televoto.

Dalla nomination di Gianluca nasce il finimondo … Gianluca, forse per recuperare credibilità, svergogna Francesca e Ferdi accusandoli di aver sfruttato il loro rapporto per conquistare visibilità in vista della semifinale. La napoletana si trasforma in un ossesso… interpretazione degna delle migliori sceneggiate. Sembra di assistere ad una tipica litigata di “Un posto al sole”… La situazione degenera e sul più bello Francesca lascia Gianluca sul divano e abbandona il salone per rifugiarsi in camera da letto. Una volta raggiunta la camera inizia a gridare da sola con una mammella al vento peste e corna contro Zito… il quale nel frattempo sta molto vicino a darle apertamente della meretrice.

Entra in studio Alberto. Fatto fuori con il 27% .
Mentre Alberto farnetica sui suoi best moments nella casa e si battibecca con gli eliminati sulle affermazioni fatte nel corso dei giorni, la Marcuzzi chiude il televoto.
Altri dieci minuti di chiacchere, poi, l’ormeggiatore viene fatto ricongiungere a Vanessa. Finalmente l’epilogo di questo strazio.

Ed ora il momento del verdetto finale della serata ….

Ferdi è in finale
Francesca è stata eliminata (best moment proiettati in salone)
Cristina è in finale
Marcello è in finale

Si apre il televoto per la finale.

La puntata finisce … andiamo a letto tutti più contenti sapendo che la prossima sarà l’ultima.

Continua a leggere...

sabato 11 aprile 2009

DOPO UNA CACCIA DI 200 ANNI, RECUPERATO IL DIARIO DI RICCI

ISA - E' stato ritrovato, dopo una 'caccia' di quasi 200 anni e dopo circa 80 dall'ultimo avvistamento, il giornale di viaggio di Alessandro Ricci, medico e pittore senese, primo italiano che a inizio Ottocento si avventurò in zone inesplorate di Egitto e Sudan raccontando luoghi e popoli sconosciuti. A darne notizia è il giornale dell' Università di Pisa, spiegando che il merito del ritrovamento va al dottor Daniele Salvoldi che ne ha riscoperto una copia lavorando al progetto 'Rosellini' coordinato dalla professoressa Marilina Betrò del dipartimento di scienze storiche del mondo antico dell'Ateneo pisano.

Il progetto riguarda la spedizione franco-toscana del 1828-29 guidata dal pisano Ippolito Rosellini insieme a Jean-Francois Champollion che di fatto ha contrassegnato, dopo la prima decifrazione del geroglifico ad opera dello stesso Champollion nel 1822, la nascita della moderna egittologia. "Si tratta di un rinvenimento eccezionale per l'egittologia - spiega Betrò al giornale dell'Ateneo -: Ricci descrive e disegna siti che solo pochi anni dopo, al tempo della spedizione di Champollion e Rosellini a cui lui stesso partecipò, erano già andati distrutti. Ma accanto ai monumenti Ricci descrive gli usi e i costumi dei popoli che incontra, le tecniche di battaglia degli eserciti, la condizione delle donne e persino quella degli animali. Ora, a quasi due secoli di distanza la nostra intenzione è di poterlo finalmente pubblicare".

Che il diario di Ricci esistesse era un fatto noto, ma le ultime notizie risalivano al 1930. Ricci visita l'Egitto dal 1817 al 1822: l'oasi di Siiwa, il monte Sinai, quindi va a sud, sino alla confluenza del Nilo azzurro con quello bianco, Khartum e il Sennar. Torna a Firenze nel 1822 e scrive le sue memorie con l'idea di farne un libro. Cinque anni dopo è a Parigi e, così riporta il giornale dell'Università, probabilmente pensando sempre a una possibile pubblicazione, dà il manoscritto a Champollion. Ma il progetto non va in porto. Nel 1832 muore Champollion, due anni dopo anche Ricci. Del suo diario e dei suoi disegni si sa solo che Rosellini nel 1836 ne richiede la restituzione dalla Francia, ma in Toscana non torna niente. Nel 1928 Ernesto Verrucci, architetto di re Fuad I dell'Egitto, trova il manoscritto in una libreria antiquaria al Cairo: lo compra e lo segnala allo storico dell'Egitto Angelo Sammarco, autore anche del volume "L'opera degli italiani nella formazione dell'Egitto moderno". Sembra che lo stesso Sammarco voglia pubblicare l'opera completa di Ricci: nel 1930 esce un volume che contiene però solo i documenti e una breve ricostruzione della biografia di Ricci. Sammarco muore nel 1948 e le nuove ricerche del diario non danno risultati.

Continua a leggere...

giovedì 9 aprile 2009

GRANDE FRATTELO PUNTATA 08-04-2009

Dopo la tragedia che ha colpito l’Abruzzo lunedi’ scorso posso dirvi che è molto doloroso affrontare la diretta. Ci dobbiamo fare forza e sono sicura che la puntata di questa sera avra’ toni diversi da quelle che sono state le scorse puntate“ . Con questa evitabile frase di circostanza inizia la dodicesima puntata del grande fratello. Evitabile perché se si sceglie di andare in onda in un momento del genere per una determinata fetta di famiglie italiane, non si può pensare di giustificarsi con due tre frasi buttate lì e via.
Ad ogni modo, le prime immagini che vengono mostrate riguardano proprio la percezione del terremoto nella casa del Grande Fratello. Alle 3:32 di lunedì infatti, anche i concorrenti della casa sono stati svegliati dalla calamità ed hanno vissuto momenti di paura. Nel corso delle ore successive poi, gli stessi ragazzi sono stati messi a corrente della gravità dell’accaduto e dello slittamento della puntata a meta’ settimana.
Questa sera ci sarà l’eliminazione di uno dei nominati, il confronto tra Vanessa e Marco e Vanessa, Marco e Siria. Ci sara’ inoltre una seconda eliminazione.

Al centro del palco viene prontamente chiamato Marco (sarà la nona volta dall’inizio del programma, e basta !). Subito dopo, accolta dai soliti gridi di dissenso misti ad applausi finti fa il suo ingresso Vanessa.
La Ravizza saluta con distacco il calciatore, poi si siede e dice subito di sentir molto la mancanza di Alberto. Rwm di rito con tanto di pomiciate e sveltine tra Marco e Vanessa (per mantenere il contesto sottotono giustamente).
Vanessa commenta dicendo che all’inizio era molto coinvolta da Marco ma che poi, una volta uscito lo ha sentito distante e distaccato.
Marco ribatte che evidentemente il sentimento che provava per lui non era cosi’ forte, visto che ha cambiato idea non appena lui se ne è andato di casa ripiegando tempestivamente sul membro di Alberto dopo che per giorni aveva detto di non considerarlo affatto il suo tipo.
La Ravizza cerca di giustificarsi a tentoni : “ Marco , all’inizio mi sei piaciuto … quando sei uscito non sei stato capace di gestire la situazione [il pubblico fischia] … una donna ha bisogno di una persona decisa , fuori non lo hai dimostrato ! Non ti sei mai affatto deciso !”.
Mazzanti ribatte : “ mi dispiace che ancora una volta non sei cosi’ acuta da capire che non me ne frega nulla della scelta che hai fatto !”.
Vanessa tenta l’affondo : “ ma si invece che te ne importa ! Ti brucia ! Tu non hai mai avuto le palle di dire che vuoi stare con me dalla D’Urso ! Alberto lo ha fatto!”.
Arriva poi il momento della barzelletta del secolo offertaci da Vanessa : “no ma io Alberto lo amo profondamente” . brava, ancora, bis.
Marco chiude la questione così : “io ti ho portato rispetto fino adesso, penso che tu piu’ che farti trasportare dai sentimenti ti sei fatta trasportare dagli ormoni !”… Praticamente le dà della meretrice, si alza, e si risiede tra gli eliminati.
Lo strazio non ha fine. Gianluca e Siria vengono spediti dalla Marcuzzi nella stanza delle sorprese. Avranno infatti anche loro un borioso confronto con Vanessa.
Al ritorno della pubblicità vengono mostrate alcune immagini dove si vedono le considerazioni fatte dal partenopeo e dalla mangiafuoco sulla Ravizza. Poi, Alessia si collega e li fa scontrare.
Attacca Vanessa : “ Gianluca, mi hai delusa … è un gioco e potevi votarmi ok. Ma io ho preso la tua nomination come una strategia … forse avevi paura di rimanere da solo dopo l’eliminazione di Vittorio e ti faceva comodo uscissi ?”
Zito risponde : “con te c’e’ un’amicizia, forse dovevo parlarti prima di nominarti… ma la motivazione era valida !”.
La Ravizza continua : “ Siria fai tanto la sincera, quella che parla in faccia e poi vai nelle camerate a dire le peggio cose sgarbate su tutto e tutti ! Ti sei sempre comportata carina davanti e dietro hai detto di quelle cose cosi’ brutte che ti credevo un’altra persona ! Sei falsa !”
La De Fazio si difende : “ io non posso più crederti ! Una volta dicevi che eri innamorato di Marco, una volta di Alberto … poi ancora Marco. Chiaro che mi viene da pensare male su di te !”.
L’equina Marcuzzi interrompe bruscamente il collegamento e manda la telepromozione. La sensazione è chiaramente quella di voler danneggiare Siria e Gianluca agli occhi del pubblico , senza dargli possibilità di replica concreta, in favore dell’imminente vittoria di uno dei “pupilli” di questa edizione.
Arriva il momento di parlare dei nominati della settimana. Roberto, Marcello e Francesca .
Roberto in settimana ha avuto delle tensioni con Cristina. La ha accusata di essere tutta poppe e niente cervello dopo che lei lo rimproverava di parlare poco.
Francesca ha continuato a fargliela annusare a Ferdi per tenere accese in lui le speranze ed attirare la curiosità del pubblico.
Marcello per protesta al fatto di essere in nomination, ha minacciato di non fare più il pane per i suoi compagni. Dopo circa due ore, sottomesso e prostrato agli ordini degli altri, ha cambiato idea.
Stop al televoto.
Signorini spruzza un po’ di veleno in giro, poi arriva il primo verdetto :
Il pubblico ha deciso che il primo concorrente che può continuare la sua avventura nella casa del grande fratello è Marcello.
Appena salvo, il fornaio viene spedito nel confessionale dove trova una lettera della nonna a cui è molto legato.

La Marcuzzi si ricollega in casa e chiede a tutti chi vorrebbero fuori tra Francesca e Roberto.

Marcello vuole fuori Roberto perché non ha legato così tanto come Roberto
Cristina vuole fuori Roberto perché lo ha delusa
Alberto vuole fuori Francesca perché il tempo trascorso insieme è stato poco
Gianluca vuole fuori Roberto perché con Francesca si guardano lontano con gli occhi ed ha una simpatia per lei
Siria vuole fuori Francesca perché passa molto più tempo con Roberto
Ferdi vuole fuori Roberto perché ovviamente si vuole fare Francesca

Risultato finale del televoto :

Il pubblico ha deciso che il concorrente che deve abbandonare immediatamente la casa del Grande Fratello è Roberto.

L’unica persona cerebralmente normodotata abbandona la casa, bene.

Si torna a parlare di Vanessa ed Alberto ( basta, basta, basta e basta ! - come direbbe Arianna David ).
La Marcuzzi fa riferimento ad un video visto durante la settimana da Alberto dove più o meno il mondo intero millantava giustamente peste e corna contro Vanessa.
L’ormeggiatore è rimasto colpito da quanto visto e i dubbi sulla Ravizza sono aumentati notevolmente. La poverina dice di comprenderlo.

Vittorio domanda a Vanessa se ama realmente Alberto. Lei risponde di si…. Orgogliosa di essere andata contro il parere di miliardi di italiani.

Annachiara e Claudia tornano all’attacco e accusano nuovamente Vanessa di aver messo a disposizione degli uomini in casa qualsiasi orifizio per farsi salvare nel gioco.

Vanessa si alza per andare a baciare il papà e la nonna di Alberto, quest’ultima al contatto rischia di farsi esplodere il cranio con un rigurgito di bile.

Alessia si collega in casa ed annuncia una imminente seconda eliminazione.

Siria deve andare nella stanza delle sorprese
Francesca in confessionale
Cristina in camera da letto

Ancora una volta le donne sono chiamate a salvare uno dei maschi in casa.

Francesca salva FERDI
Cristina salva GIANLUCA
Siria salva ALBERTO

Marcello è eliminato dalla casa del Grande Fratello… MA …. Ovviamente, il pubblico potrà salvarlo con il televoto e farlo rientrare così come fu con Monica.

Via al televoto.

Torna in studio Roberto. Ad eliminarlo è stato il 49%degli italiani.
Parte il confronto con l’Alfonsa nazionale. Il giornalista gli fa notare che si è dato una svegliata solo dopo che lui lo ha stuzzicato durante la puntata di giovedì scorsa. Roberto, giustamente, dice che non ha senso intrufolarsi nelle discussioni che non gli appartengono e cercare visibilità ad ogni costo.

Nella casa fa ingresso una nuova presenza, sicuramente con molto spessore in più della gran parte dei concorrenti . E’ Bimbolo , la bambola di infanzia di Cristina che le farà compagnia nel letto da questo momento in poi. In più, dietro la vetrata della camera da letto, compare anche la mamma di Cristina stessa… la donna parla alla figlia con lo stesso tono che si usa per farsi capire dai neonati di due mesi. “Eh cicci …. Nooooo non piangere… ci fai ridere tanto, tanto, tanto … e cicciiii”. Evidentemente è l’unico modo che hanno per comunicare.

Arriva il momento della prova settimanale … una “emozionantissima” sfida di tiro alla fune tra i maschi della casa e tre vecchie glorie del grande fratello ….. Roberto il cummenda, Gianfilippo e Mario della ottava edizione. Brividi.

Parte il tempo … vincono senza appello gli ex gieffini dell’ottava edizione. In pratica è stato tutto merito di Mario, completamente cambiato dall’anno scorso, capello corto, muscoli scolpiti … una trasformazione totale.

Marcello viene fatto arrivare in studio, appena dietro la grata … è ancora ignaro del televoto aperto per salvarlo. Alessia lo informa del misfatto. Lui quasi si infarta. Il televoto viene chiuso.

Da dietro la grata Marcello, sempre più prossimo al collasso, dice di essere nelle mani del pubblico e spera di rientrare in gioco.

Arriva il momento del verdetto.

Il pubblico ha deciso che Marcello può ritornare in casa .

Non è possibile … indovinate chi viene richiamato a parlare ? …. Marco … io ci rinuncio. Bisogna capire a quale autore si è donato … no perché avrà parlato quasi più lui della Marcuzzi in dodici puntate ! Fossi in Leonia che non l’hanno fatta neanche respirare in studio, mi alzerei, raggiungerei il centro del palco e farei una sceneggiata alla Goggi maniera.
Ad ogni modo, Mazzanti questa volta si dovrà scontrare direttamente con Alberto che durante la settimana ha fatto su di lui delle battute poco carine. Sembra di stare all’asilo Mariuccia.

Viene mostrato l’ rwm … nulla di che . Il sarcasmo di Alberto si ferma alle spicciole battutine da comare del genere “ ma cosa sta facendo ora Marco ? La pubblicità dei boxer in tinta con i calzini ?”.

Mazzanti non gliela manda liscia e lo accusa di essere una persona bieca e bassa e in questo modo lo ha dimostrato.

Alberto dice che stava solo scherzando.

Come è suo solito, Marco, ritratta tutto e dice di non aver mai parlato male di Alberto. Bah.

Marcello rientra in casa festoso. Alberto e Gianluca lo accolgono festosi. Ferdi ha un travaso di bile, le donne restano attonite come se qualcuno gli avesse improvvisamente vomitato in faccia.

Alessia legge un comunicato. Indipendentemente dal risultato della prova, Grande Fratello ha deciso che per aver messo la propria forza e il proprio spirito agonistico a disposizione di tutto il gruppo, il migliore della prova è Alberto (oh guarda , non ce lo aspettavamo, Alberto è immune).

Momento delle nomination. Ognuno darà due nomi e andranno al televoto i quattro più votati.

Siria nomina MARCELLO e FERDI
Ferdi nomina SIRIA e CRISTINA
Cristina nomina MARCELLO e FERDI
Gianluca nomina SIRIA e FRANCESCA
Francesca nomina MARCELLO e SIRIA
Alberto nomina FERDI e FRANCESCA
Marcello nomina FRANCESCA e SIRIA



Siria 4
Marcello 3
Ferdi 3
Francesca 3
Cristina 1

Siria, Ferdi, Marcello e Francesca sono i candidati all’eliminazione di questa settimana.

A mezzanotte e venti finalmente la Marcuzzi si degna di darci
/realityhouse

Continua a leggere...

martedì 7 aprile 2009

SMS per i terremotati


In attesa di capire perché edifici pubblici come la casa dello studente e come un ospedale di dieci anni debbano crollare... vi invito a mandare un sms al numero 48580 per donare un euro in favore delle vittime del terremoto in Abruzzo.

Continua a leggere...

SISMA ABRUZZO: OLTRE 100 MORTI

La terra ha tremato nel buio, alle 3:32 e la forza distruttiva della scossa, di magnitudo 5,8 - un livello che corrisponde all'ottavo-nono della scala Mercalli - ha devastato l'Aquila e i piccoli centri attorno al capoluogo abruzzese, portandosi via almeno oltre cento persone, anche se il bilancio è ancora provvisorio, mentre sono oltre 100, secondo il dato aggiornato dai vigili del fuoco, le persone che dalla notte scorsa sono state tratte in salvo dalle macerie.


L' ultima in ordine di tempo una ragazza trovata in serata sotto le macerie di una casa crollata nel centro dell'Aquila, in via Sant'Andrea. La casa era ad un centinaio di metri di distanza dalla Casa dello studente, crollata interamente, in una zona dove molti appartamenti sono affittati a studenti. Ha avuto invece esito tragico il salvataggio di un'altra giovane avvenuto in serata a L'Aquila. La donna è deceduta poco dopo essere stata estratta dalle macerie. Le urla degli abitanti e gli schianti dei crolli hanno spezzato il buio, ma solo le prime luci del giorno hanno mostrato gli effetti del terremoto: case venute giù come se fossero di carta velina. Alla fine della giornata i morti stimati sono 150, anche se solo 98 hanno adesso un nome e ci sono altri 20 cadaveri che si sta cercando di identificare, ma con l'alta probabilità che si tratti di un bilancio assolutamente provvisorio. Così come la stima dei feriti che per adesso è ferma a 1.500. Devastati tanti piccoli centri, oltre al capoluogo che pare colpito da un bombardamento: Paganica, Camarda, Tempera, San Demetrio nei Vestini, Castelnuovo. Un lungo elenco del quale fanno parte anche Villa Sant'Angelo ed il Borgo di Castelnuovo, stati quasi cancellati dal sisma.

A Onna, il centro a pochi chilometri dall'Aquila che è il più danneggiato, è la disperazione: "A Onna siamo in 350. Finora avrò contato una cinquantina delle persone che conosco, ancora vive", ha riferito un uomo che risiede nella frazione dove stamani le prime bare sono state allineate su un prato. Nel capoluogo i crolli hanno interessato tutte le zone della città sei ragazzi sono stati estratti vivi dalla Casa dello studente, ma un loro collega è ancora disperso. Un po' ovunque giù cupole di chiese e campanili: crollata la parte absidale della Basilica di S. Maria di Collemaggio, della cupola di Giuseppe Valadier della chiesa delle Anime Sante, del campanile della chiesa di San Bernardino. Crollato parzialmente anche il transetto del Duomo dell'Aquila. "Nessuno sarà lasciato da solo", è la promessa del premier Silvio Berlusconi che ha definito l'accaduto come "una tragedia senza precedenti", dopo aver raggiunto L'Aquila ed aver sorvolato in elicottero l'area colpita dal sisma. Subito dopo ha presieduto a Roma la seduta del Consiglio dei ministri che ha conferito "i poteri di attuazione degli interventi d'emergenza" al sottosegretario Guido Bertolaso. "Per i primi giorni sono stati stanziati 30 milioni di euro di fondi immediati, in attesa di quantificare giovedì le risorse strutturali", ha spiegato Berlusconi. Fin da subito si sono mossi i soccorsi coordinati dalla protezione civile, ma dalle aree del terremoto si sono levate anche critiche: "Dove sono gli aiuti? E le tende?" chiede qualcuno a Onna, lamentando di essere rimasti per ore senza contatti con i soccorritori. Il ministro dell'interno Roberto Maroni e Bertolaso, hanno però sottolineato la prontezza con cui si è messa in moto la macchina dei soccorsi, sia a livello locale che nazionale. "Le operazioni erano già partite un quarto d'ora dopo il sisma.Più rapido di così non si poteva fare", ha detto il ministro.

E concorda un volontario della protezione abruzzese: "Abbiamo corso pericoli per arrivare in case crollate in vicoli piccoli". E se qualche ritardo c'é stato, spiega uno dei componenti della protezione civile regionale, va tenuto conto che era praticamente impossibile far fronte subito a tutte le esigenze e controllare un territorio tanto vasto". Intanto ci si prepara alla prima notte dopo il terremoto, una notte fredda e di pioggia che ha cominciato a cadere sugli sfollati per i quali si stanno predisponendo le tendopoli o cercando migliaia di posti letto negli alberghi lungo la costa. A L'Aquila in tantissimi si apprestano a trascorrete la notte nelle auto parcheggiate in piazzali o comunque in aree lontane dagli edifici: la paura non è passata e la scossa del tardopomeriggio di magnitudo 4.1 fa ricordare che il terremoto é ancora lì, in agguato, ancora una volta nella notte.
ansa

Continua a leggere...